Quantcast

Lascito Morosetti, come saranno spesi i soldi dell'eredità

Opere pubbliche lascito Morosetti 6' di lettura 08/10/2021 - Presentato il piano di opere pubbliche che verranno realizzate grazie all'eredità di Cassio Morosetti, dopo lo spostamento della fontana, anche con fondi ministeriali. Bacci: "Le critiche strumentali di una parte della minoranza hanno scritto pagine di vergogna nella storia della città".

Venerdì mattina, presso la Sala del Consiglio Comunale di Jesi si è svolta la conferenza stampa introdotta e conclusa dal Sindaco Massimo Bacci ed esposta dall’assessore ai lavori pubblici Roberto Renzi per la presentazione dei prossimi interventi, finanziati con il lascito Morosetti e i contributi ministeriali.

Tantissimi i progetti già pronti da parte dell’amministrazione per avanzare richieste di finanziamenti al governo, una folta programmazione di interventi atti alla riqualifica di una città che sta vivendo un’intensa e profonda trasformazione del centro storico, come nessun’altra della nostra provincia e forse della regione può vantare. Lo testimoniano i molteplici cantieri in via di evoluzione che stanno portando avanti progetti ambiziosi.

E’ già avviato un bando regionale e nazionale, in associazione ad altri comuni della Vallesina che prevede lo stanziamento di circa 9 milioni di euro. Questi introiti permetteranno il restauro di edifici storici, come l’Ex Cascamificio e il Complesso San Martino, che rischiavano di subire un degrado eccessivo. Ospiteranno attività molteplici fra cui quelle culturali e sportive.

Sono poi previsti circa 5 milioni di euro dal Ministero degli Interni rivolti alla sicurezza, soprattutto nell’edilizia scolastica che versava in condizioni di vulnerabilità grave nella nostra città, a partire dal miglioramento sismico della scuola Federico II, per cui sono stanziati circa 3 milioni di euro e per la messa in sicurezza della scuola Borsellino. Circa 700 mila euro saranno destinati al rifacimento del manto stradale. Alcuni cittadini lamentano un eccesso di cantieri, ma questa dovrebbe essere vista come una condizione molto positiva, che porta a migliorie sostanziali e ad un beneficiare di servizi di qualità e sicurezza. E’ già in corso un’operazione frenetica di interventi di ripristino nelle principali arterie cittadine e sarà a breve orientata anche su strade minori quali: Viale Papa Giovanni, Via San Marcello, Via Pian Del Medico, Via Tabano, Via Montesecco, Via Minonna, Via Calabria e molte altre. In previsione anche il rifacimento dei marciapiedi delle stesse per la tutela e la sicurezza dei pedoni.

Rimanendo sempre sul tema sicurezza, anche il Cavalcavia di Viale della Vittoria è stato oggetto di verifica e vulnerabilità sismica ed è emerso che nonostante la struttura non rappresenti pericolo nell’imminente, ha però bisogno di essere sottoposta ad una rivisitazione, non tanto della struttura portante, quanto delle volte sottostanti che risultano essere piene di umidità e pertanto andranno demolite, verranno invece rinforzate le travi con strutture aggiornate, in parte realizzate in carbonio. Si tratta di un’opera che dovrà essere ben programmata in quanto, interessando il principale snodo del traffico cittadino, si terrà conto anche della tutela della viabilità.

La conferenza ha poi spostato l’attenzione sul tema molto sentito del lascito Morosetti. Con grande orgoglio il Sindaco Bacci e l’Assessore Renzi dichiarano che la somma di 2 milioni di euro, indicata nella successione testamentaria di Morosetti è stata depositata, per cui sia la Sovrintendenza che il curatore notarile hanno considerato l’opera idonea. Erano stati inizialmente previsti 750 mila euro per lo spostamento della fontana, considerando anche gli eventuali imprevisti, mentre a conclusione dei lavori si stima una spesa di circa 500 mila euro, in quanto i lavori si sono svolti senza contrattempi. A seguito di tale positivo bilancio, si stimano circa i tre quarti del lascito disponibili per interventi di ristrutturazione e risanamento, a partire dall’abbattimento di barriere architettoniche negli edifici scolastici, fra cui asili nido, materne, elementari e medie con l’inserimento di rampe di accesso e maniglioni antipanico. Interventi a favore della sede comunale per una migliore fruizione al cittadino con l’inserimento di un ascensore che condurrà agli uffici più frequentati dall’utenza.

Sempre con il lascito Morosetti, si darà vita in tempi brevi all’elaborazione di un nuovo progetto di riqualificazione per quanto riguarda Piazza Federico II. Verrà ovviamente rifatto il tratto cementificato che si trovava sotto la fontana, ripristinando analoga pavimentazione del resto della piazza. Ci sono innovativi progetti che la interessano volti a conferirle maggiore visibilità insieme all’adiacente Teatro Moriconi, a partire da moderni sistemi multimediali che ad esempio tramite i cellulari permetteranno di ascoltare e far conoscere ai turisti la storia della piazza, di Federico II, del museo e del Teatro. La piazza avrà un nuovo disegno, sarà arricchita da un nuovo arredo urbano, completamente stravolto rispetto all’attuale, ma i dettagli verranno resi noti in seguito, a progetti approvati. E’ stato inoltre appurato che la piazza si presta molto bene come teatro naturale grazie all’ottima acustica, per cui saranno senz’altro previste molteplici attività all’aperto per donarle enfasi.

Per il Teatro Moriconi sono stati previsti circa 400 mila euro, al fine di adeguare la struttura alle normative vigenti in merito alla sicurezza e all’antincendio. Le risorse sono state messe a disposizione della fondazione Pergolesi Spontini che ne ha la gestione e sta seguendo l’attuazione.

Interessanti opere di restauro sono destinate anche all’antica Cisterna Romana.

Per quanto riguarda la pavimentazione di Piazza della Repubblica, con i proventi comunali, si darà seguito alla stessa che si sta utilizzando lungo il corso Matteotti con conseguente eliminazione di barriere architettoniche e anche qui ci sarà un nuovo arredo urbano. I lavori inizieranno in Primavera e si concluderanno sicuramente con una festa d’inaugurazione.
Una nuova illuminazione interesserà entrambe le piazze oltre come abbiamo già potuto vedere le vie della nostra città.

Per il verde pubblico è stato fatto un nuovo appalto al fine di potenziarne e migliorarne la cura, una nota dolente riguarda invece il continuo danneggiamento delle panchine e dei giochi per i bambini. Cercheranno, hanno detto, di sensibilizzare gli avventori.

Il Sindaco Massimo Bacci a conclusione della conferenza stampa si è sentito di ringraziare pubblicamente tutti i consiglieri comunali, uno ad uno, per averlo sostenuto in questo percorso, in alcuni momenti molto difficile e impegnativo a causa della "strumentalizzazione da parte di una minoranza, sfociata a volte anche in cattiveria, scrivendo una pagina di vergogna nella storia della città. Le scelte fatte sono state il frutto di un’attenta valutazione rivolte agli interessi della città e dei cittadini che, ad opere concluse, godranno dei molteplici benefici".






Questo è un articolo pubblicato il 08-10-2021 alle 17:12 sul giornale del 09 ottobre 2021 - 1530 letture

In questo articolo si parla di attualità, opere pubbliche, articolo, lascito Morosetti, azzurra filottrani

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cnn5





logoEV
logoEV