contatori statistiche

Bruno Garbini, presidente Arca Benefit su #COP26 Summit in corso a Glasgow

Bruno Garbini, Presidente di Arca Benefit 1' di lettura 03/11/2021 - «Non aspettiamoci grandi cose dai grandi del mondo; essi purtroppo hanno logiche e storie tra le più diverse, e comunque e sempre debbono rispondere alle esigenze immediate dei loro elettori più che a quelle delle future generazioni.

Quello che possiamo e dobbiamo fare, come persone di buona volontà, è adottare comportamenti virtuosi ed evoluti nei confronti dell'ambiente già nel nostro piccolo, coinvolgendo altri ad adottarli ed educando, soprattutto con l'esempio, i nostri figli e nipoti ad assumerli.

Solo una sempre più diffusa e radicale inversione di paradigma nel nostro agire quotidiano potrà convincere i politici di tutto il mondo che un approccio innovativo all'ambiente è cercato e voluto dal basso, dai loro elettori, e che quindi, a loro è chiesto di assumere decisioni coraggiose che comportino anche severe inversioni di rotta.

La democrazia è così: i politici, volenti o nolenti, sono l'espressione del popolo che li elegge.

Quindi se il G20 di Roma non è andato come si sperava non è colpa loro ma nostra, inteso come popolazione mondiale, che non mandiamo ai nostri rappresentanti segnali convincenti sulla nostra volontà di cambiare rotta.

Forse è una visione pessimistica e un po’ troppo banalizzata, non tutti i Paesi hanno le stesse di partenza, ma le rivoluzioni vengono sempre dal popolo, da vaste moltitudini popolari, dalla maggioranza silenziosa e non da sparuti gruppetti». Bruno Garbini, Presidente Arca Benefit.






Questo è un articolo pubblicato il 03-11-2021 alle 09:51 sul giornale del 04 novembre 2021 - 156 letture

In questo articolo si parla di presidente, Bruno Garbini, Arca Benefit

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/crQ2





logoEV
logoEV