Quantcast

Caterpillar, Jesi in Comune e Pd chiedono di devolvere il gettone di presenza

3' di lettura 27/01/2022 - L'iniziativa contenuta nell'ordine del giorno presentato da Jesi in Comune e Pd Jesi per chiedere al consiglio comunale di devolvere il gettone di presenza di Gennaio alla vertenza Caterpillar.

I sottoscritti consiglieri comunali del gruppo Jesi in Comune – Lab. Sinistra e del gruppo del Partito Democratico di Jesi chiedono l’iscrizione all’odg del prossimo Consiglio comunale del seguente ordine del giorno avente ad oggetto “devoluzione gettone di presenza vertenza Caterpillar”

PREMESSO CHE

Nel territorio del Comune di Jesi è presente, da oltre 25 anni, lo stabilimento di proprietà della Caterpillar Hydraulics nel quale prestano la loro att La Caterpillar affonda in realtà le sue radici nella storia quasi centenaria della Sima, dei suoi lavoratori e delle loro battaglie;

RILEVATO CHE

lo stabilimento della Caterpillar di Jesi è sempre stato considerato il fiore all'occhiello della industria meccanica jesina, con elevati livelli di professionalità e qualità che ne hanno garantito produttività e profitti;

proprio in virtù di quanto sopra, solo fino a pochissime settimane fa, alcuni lavoratori interinali stavano aspettando di essere stabilizzati;

il 10 dicembre scorso, all'improvviso, senza alcun segnale ed in modo del tutto unilaterale, senza il minimo coinvolgimento delle parti sociali e dei lavoratori e delle lavoratrici, la proprietà ha annunciato la chiusura dello stabilimento, senza preoccuparsi minimamente del futuro delle persone coinvolte;

CONSIDERATO CHE

“L'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro” (art. 1 Cost.);

“il lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro ed in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa” (art. 36 Cost.);

“L'iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana” (art. 41 Cost.); PRESO ATTO CHE

i lavoratori e le lavoratrici, grazie anche al ruolo fondamentale delle OO.SS., si sono immediatamente mobilitati con presidi davanti ai cancelli, cortei e manifestazioni, chiedendo il sostegno delle istituzioni e del territorio;

la città ha fatto sentire con forza la propria solidarietà a tutte le persone coinvolte; anche questo consiglio comunale ha già dichiarato la propria vicinanza ai lavoratori ed alle lavoratrici;

le OO.SS. hanno costituito una c.d. Cassa di Solidarietà chiedendo un contributo anche economico “per chi volesse sostenere la nostra lotta”;

CONSIDERATO INFINE CHE

questo Consiglio Comunale ha già deliberato di devolvere un precedente gettone di presenza dei consiglieri e delle consigliere alla c.d. vertenza Elica;

sarebbe un segnale di concreta solidarietà alla lotta dei lavoratori e delle lavoratrici se anche in occasione di questa importante vertenza cittadina il Consiglio Comunale facesse altrettanto;

PROPONE

a tutti i consiglieri e tutte le consigliere comunali di devolvere l’importo pari al gettone di presenza di questa seduta consiliare alla cassa di Solidarietà già istituita dalle O.O.S.S. FIOM FIM UILM, quale contributo alla vertenza Caterpillar.

Jesi, 16/01/2022

Samuele Animali Agnese Santarelli Francesco Coltorti Andrea Binci Lorenzo Fiordelmondo Emanuela Marguccio Osvaldo Pirani


da Jesi in Comune e Partito Democratico Jesi





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-01-2022 alle 11:28 sul giornale del 28 gennaio 2022 - 207 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cHNy