contatori statistiche

Confindustria: "Infrastrutture per la crescita e la competitività nelle Marche"

4' di lettura 21/03/2022 - Il manifesto delle categorie produttive con le priorità: progetti e interventi da realizzare per dare un futuro ad economia e imprese.

Le Associazioni regionali di rappresentanza delle imprese, Confindustria Marche, CNA Marche, Coldiretti Marche, Confartigianato Marche, Confcommercio Marche, hanno condiviso l’esigenza di una riflessione congiunta per rappresentare una visione comune del fabbisogno di infrastrutture della nostra regione, evidenziando alcune priorità che possono incidere fortemente sulla competitività ed attrattività del nostro territorio.

Frutto di questa riflessione è un documento articolato in più parti che è stato condiviso durante l’incontro con la stampa, a cui erano presenti tutte le categorie e la Regione Marche:

Un contributo analitico - per singola tipologia di infrastruttura - che raccoglie le istanze dei Territori e che può contribuire a mettere a fuoco con la Regione e le altre Istituzioni le criticità, le aspettative e le potenzialità, anche ai fini della programmazione regionale e l’utilizzo delle risorse nazionali e regionali attivabili.

Alcuni Focus su temi strategici anche in rapporto a quanto avviato dalla Regione e dai diversi Assessorati per la implementazione concreta delle nostre infrastrutture.

Le Priorità individuate e condivise e la proposta di un metodo di confronto periodico con la Regione. Tenendo conto che il tema delle Infrastrutture è molto ampio sono state prese in considerazione quelle viarie, ferroviarie, telematiche, oltre che alcune infrastrutture strategiche quali porto, interporto, aeroporto. L’obiettivo primario degli interventi deve essere quello di una maggiore integrazione del territorio delle Marche nel contesto italiano ed europeo, sia con il potenziamento delle opere funzionali al corridoio Adriatico, sia il completamento delle integrazioni verso il tirreno e Roma. Le aree interne vanno maggiormente integrate in termini viari per evitare lo spopolamento di cittadini e di imprese (progetto dell’Appennino).

La selezione delle opere è stata impostata seguendo alcuni precisi criteri:

1. Opere ed azioni ricadenti in una funzione primaria regionale. L’obiettivo del tavolo è anche quello di supportare in modo coeso alcuni interventi che vedono come attore istituzionale importante anche la Regione, per cui va fatta una selezione tenendo conto anche del ruolo che può svolgere la Regione per completare o potenziare alcune iniziative. Ad esempio l’uscita del Porto di Ancona, il potenziamento dell’Aeroporto e l’integrazione funzionale tra Porto e Interporto. Ulteriore esempio per l’Aeroporto è condividere con la Regione la finalizzazione dei bandi per i vettori che assicurino risposte stabili nel tempo con potenziali mercati di riferimento sia per il turismo che per la produzione.

2. Realizzabilità dei progetti/interventi entro il periodo 2025-2026 (fine delle Legislatura e termine per la realizzazione delle opere del PNRR). È fondamentale prevedere una tempistica di riferimento per le varie infrastrutture da potenziare, così da avere un contesto temporale di riferimento. Ad esempio, la copertura della banda ultra-larga, il miglioramento della tratta ferroviaria Orte-Falconara, stimolo della progettazione per i miglioramenti e completamenti viari. In particolare, per grandi infrastrutture (ad es. per la 3 corsia A14) avere certezze nel periodo di riferimento in ordine alle assegnazioni di risorse per la realizzazione e avanzamenti certi nella progettazione. E’ fondamentale per il potenziamento infrastrutturale delle Marche pervenire a dei risultati tangibili entro tempi predefiniti, in termini di: realizzazione completa dell’intervento richiesto, o di progettazione esecutiva, o di assegnazione certa delle risorse.

La sfida è ambiziosa ma strategica per il rilancio del nostro territorio e delle imprese: per questo sarà essenziale in questo periodo massimizzare la collaborazione e gli sforzi congiunti delle Istituzioni e degli Enti e soggetti preposti con le Associazioni di categoria per concretizzare i massimi risultati ottenibili entro la fine della corrente legislatura. Sarà per questo fondamentale anche condividere un metodo di confronto con incontri almeno ogni 3 mesi per verificare l’avanzamento dei progetti e dei lavori.

Di seguito, una prima ipotesi di priorità infrastrutturali condivise dalle Associazioni di categoria, partendo dagli interventi infrastrutturali a valenza prioritaria regionale o interregionale per poi scendere a quelli di valenza provinciale o interprovinciale.

1. Terza corsia Autostrada A14 per tutto il tratto marchigiano (progettazione esecutiva e certezza di risorse)

2. Uscita dal Porto di Ancona e miglioramento SS16 (realizzazione)

3. Aeroporto (potenziamento voli e collegamenti funzionali allo sviluppo turistico e produttivo)

4. Ferrovie: Miglioramento Orte-Falconara (realizzazione); metropolitana di superficie Civitanova Marche – Albacina (progettazione).

5. Fano-Grosseto (modifica progettazione per ampliamento tratto marchigiano a 4 corsie con assegnazione di risorse)

6. Banda Ultra larga (completamento copertura integrale regionale in tempi certi)

7. Fabriano-Sassoferrato (ripristino collegamento e soluzioni transitorie)

8. Primo tratto Pedemontana Mozzano-Comunanza (progettazione-esecuzione) e Nuovo tracciato Mezzina tra Campiglione di Fermo e Valmir (progettazione esecutiva ed assegnazione delle risorse)

9. Progettazione della Val potenza (Progettazione esecutiva e assegnazione risorse)

10. Sfangamento e completamento condotte laghi di Cingoli, Gerosa e Mercatale e progetti di estensione degli impianti a pressione su Tronto, Musone, Aso e Tenna.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Jesi.
Per Whatsapp aggiungere il numero 376.0319490 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_jesi o cliccare su t.me/vivere_jesi. Per tutte le notizie cercare il canale @viverejesi2 o cliccare su t.me/viverejesi2.

Confindustria Marche, CNA Marche, Coldiretti Marche, Confartigianato Marche, Confcommercio Marche





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-03-2022 alle 16:53 sul giornale del 22 marzo 2022 - 138 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa, Confindustria/Confcommercio/Coldiretti/Ancona/proposta/Infrastrutture/competitività/territorio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/cTSF





logoEV
logoEV
qrcode