contatori statistiche

In ricordo di Carlo Urbani, l'iniziativa in Commissariato

2' di lettura 31/03/2022 - Nel giorno in cui le Marche ricordano il dottor Carlo Urbani, il Commissariato di Polizia di Jesi ha accolto una iniziativa dedicata a quanti si dedicano al bene comune.

Nella mattina del 29 marzo, a diciannove anni di distanza della morte del dottor Carlo Urbani, la poetessa Maria Teresa Chechile ha voluto donare agli uomini e alle donne dalla Polizia di Stato la sua composizione “Mi ero persa”, per ringraziarli del lavoro svolto per la Comunità durante la Pandemia.

Nel corso dell’iniziativa è stata ricordata l’intuizione del marchigiano dott. Carlo Urbani che, isolando il virus della Sars, lanciò l’allarme per prevenire la diffusione della pandemia. La storia del medico e del ricercatore è stata ripercorsa attraverso la testimonianza di chi lo ha conosciuto: il dott. Francesco Bravi, presidente del Comitato di Jesi della Croce Rossa Italiana e l’infermiera Marcella Coppa, coordinatrice infermieristica delle residenze protette e degli hub vaccinali della Vallesina.

Un momento di riflessione e di condivisione profonda tra chi si dedica al bene comune per rafforzare le ragioni di un impegno e di un servizio, ciascuno nei propri ruoli ed ambiti, uniti dal desiderio di essere parte attiva della comunità.

Hanno preso parte alla cerimonia il maggiore Simone Vergari, Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Jesi, il capitano Gianmarco Di Deodato, Comandante della Compagnia della Guardia di Finanza di Jesi, il capitano Filippo Peroni, vice-comandante della Polizia Locale di Jesi e il coordinatore infermieristico del polo endoscopico di Jesi, Simone Pierandrei, che ha portato il saluto del primario dott. Paolo Spinaci.

«La pandemia ha prodotto immani sofferenze e le più recondite paure si sono accavallate tra loro, facendoci vedere e percepire, nonché toccare con mano tutta la sua drammaticità – ha detto la poetessa prima di declamare la sua poesia. - Questa giornata è la chiara espressione dell’aver saputo tessere, in piena emergenza sanitaria, una reciproca collaborazione tra territorio e tutela della salute.

Il 29 marzo è la giornata istituita dalla Regione Marche in memoria di Carlo Urbani, “il medico marchigiano senza frontiere”, e che per primo scoprì e isolò la Sars, a costo della sua stessa vita. La giornata di oggi, dunque, non a caso e non per caso si arricchisce anche di poesia, di quella poesia che è estensione dell'anima, in un tripudio di sentimenti, di aspetti umani e sociali che hanno toccano e toccano, ancora tutt’oggi, le corde della sensibilità di ognuno di noi».

La poesia “Mi ero persa” è stata composta all’inizio della pandemia, a marzo 2020, è un canto di speranza, di resilienza e di riscatto.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-03-2022 alle 04:27 sul giornale del 01 aprile 2022 - 165 letture

In questo articolo si parla di attualità, polizia, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/cWk8





logoEV
logoEV
qrcode