Quantcast

Amministrative: Massimo Rossello si candida con i Riformisti per Jesi

4' di lettura 16/05/2022 - Massimo Rossello è candidato al Consiglio Comunale con la lista dei Riformisti per Jesi a sostegno del candidato sindaco Matteo Marasca.

La mia candidatura per il Consiglio Comunale nasce da un'analisi strategica della città e del suo importante ruolo nella regione, riconoscendo le condizioni al contorno necessarie affinché possa prosperare.

La manutenzione delle strade, del verde pubblico, la cura del sociale, la cultura e tutti gli altri temi sono importantissimi; ma nulla è sostenibile nel lungo termine, se non a carico dei cittadini, senza una visione di sistema che liberi risorse per questi ed altri scopi. Al contempo, ci troviamo a livello globale in una crisi climatica che siamo chiamati a contrastare non solo con migliori comportamenti individuali e con i grandi impianti di energia rinnovabile, ma anche e soprattutto con misure di sistema per la transizione energetica che consentano alle città di ridurre i prelievi di energia elettrica e gas dalle reti nazionali.

Questa transizione non è necessariamente un costo aggiuntivo a carico del cittadino. Infrastrutture adeguate e ben ingegnerizzate possono condurre alla carbon neutrality e allo stesso tempo costituire un risparmio o addirittura un guadagno in termini di risorse economiche. E questo come dicevo libera, non impegna, risorse anche per altri scopi.
Per questo motivo ho investito molto tempo per elaborare punti di programma, creare materiale informativo, anche in forma di webinar usufruibile sul canale YouTube dei Riformisti per Jesi che servirà come knowledge base per il futuro, e nello sforzo di comunicare tutto questo con qualità collaborando a redigere le comunicazioni della lista e realizzando un sito internet il più possibile accattivante e fruibile.

Se eletto in Consiglio Comunale, le mie prime azioni riguarderanno:

- l'avvìo di una o più Comunità di Energia Rinnovabile, che realizza lo schema di incentivi per le energie rinnovabili che sostituirà lo Scambio sul Posto. E' importante partire subito per poter includere tutte le installazioni esistenti nel nuovo schema (la legge prevede max 30% sul totale, il resto deve essere nuova installazione).
Questo assetto innovativo permette all'Amministrazione di coinvolgere proficuamente anche cittadini consumatori (senza pannelli) e liberare risorse per vari scopi, ad esempio per contrastare la povertà energetica o per finanziare altre attività (cura del verde, sociale, etc.)

- la proposta di un sistema di trasporto pubblico urbano non di linea, servito da navette a percorso variabile modificato in tempo reale, che tenda essenzialmente a "teletrasportare" l'utente da un punto richiesto ad un altro, a chiamata, senza altre complicazioni e con disponibilità di bagaglio.
Questo sistema permetterà di girare in città in un modo ancor più flessibile e comodo dell'automobile, mantenendo intatta l'accessibilità agli esercizi commerciali del centro. Ciò permetterà gradualmente di rimuovere la necessità di nuovi parcheggi, liberando spazi per i pedoni e bellezza per i turisti, e consentendo una estensione non traumatica della ZTL.
Il sistema, calibrato sul traffico reale, genererà risparmi e dovrà essere progressivamente esteso per servire i comuni limitrofi e soprattutto le strutture ricettive di cui la campagna che circonda Jesi è ricca

- la proposta di un nuovo laboratorio aperto per i giovani “makers” (FabLab), un luogo importante affinché i ragazzi possano imparare e divertirsi collaborando attorno a progetti reali, potendo usufruire di strumentazione per la prototipazione rapida, infrastrutture informatiche, e una knowledge base mondiale. Così potranno creare quelle relazioni costruite attorno a progetti con cui diventeranno imprenditori del futuro di aziende plurali e non padronali, evitando strutturalmente uno dei maggiori fattori di rischio di sopravvivenza delle imprese nel lungo termine.
Qualora fossi eletto, sarei oltremodo contento di avere al mio fianco Barbara Marasca, una persona dall’integrità assoluta, vera jesina (lei, non io purtroppo) che conosce ogni centimetro della città. La sua sensibilità e il suo sguardo attenti al sociale, ai quartieri, alle persone fragili saranno la lente di ingrandimento, lo stimolo, l’approfondimento su cui applicare le mie qualità di problem solver.
L'attività di consigliere pone continui problemi da risolvere. Ma la cosa non mi spaventa affatto: la mia indole attende con eccitazione il momento in cui questo sarà possibile. Perciò, il 12 giugno nelle urne concedimi la tua preferenza!

BIOGRAFIA








Questo è uno spazio elettorale autogestito pubblicato il 16-05-2022 alle 09:38 sul giornale del 17 maggio 2022 - 326 letture

In questo articolo si parla di politica, matteo marasca, candidato consigliere, spazio elettorale autogestito, Massimo Rossello, amministrative jesi 2022, riformisti per jesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/c7Dj





logoEV
logoEV