Quantcast

Basket: la General Contractor Jesi riparte da coach Ghizzinardi

3' di lettura 03/07/2022 - Se non parlava con insistenza già pochi giorni dopo la fine della stagione, la notizia della sua uscita da Crema aveva lasciato supporre un ulteriore avvicinamento.

Finalmente stamattina è arrivata l’ufficialità: inizia con il ritorno di Marcello la nuova stagione dell’Aurora. Si tratta di un ritorno estremamente gradito all’ambiente, per le qualità umane e professionali del tecnico e per i risultati ottenuti nelle due stagioni in cui ha guidato la panchina jesina.

«Torno a Jesi con grande voglia e grande entusiasmo – è la prima dichiarazione del tecnico di Codogno rilasciata nel sito dell’Aurora Basket - il progetto che ci attende è ugualmente stimolante e sicuramente più ambizioso rispetto a quello vissuto insieme post pandemia. Ho in mente ancora la bella serie play off con Rieti che dovrà essere il nostro punto di partenza: allora ci arrivammo come una Cenerentola, quest’anno dovremmo entrare nell’ottica di calcare palcoscenici importanti attraverso un progetto più consapevole e programmato, provando ad essere protagonisti tra i protagonisti della stagione».

Parole che vanno a confermare quel poco che era trapelato, vale a dire che dopo una stagione inaspettatamente sofferta, la società ha intenzione di programmare una stagione che possa portare Jesi nel gruppo delle squadre più ambiziose.

Resta l’incognita legata alla nuova formula del campionato che andrà a stravolgere il numero delle squadre partecipanti al campionato, con una sorta di involuzione, che dovrebbe portare a una riduzione delle promozioni in A/2 e al contrario aumentare le retrocessioni.

Non si sa con quale logica: chi ha buona memoria non può non ricordare quando furono create Legadue Gold e Legadue Silver, poi abolite nel giro di pochi anni, trasformate in due gironi di pari livello in A/2.

A causa dalla “genialità” di qualcuno la stagione potrebbe prospettarsi più rischiosa del dovuto. L'unica nota lieta, se confermata, la possibilità di tesserare un giocatore straniero, perché comunitario.

Tornando allo staff tecnico, dopo aver maturato una importante esperienza portando in salvo la squadra, Francesco Francioni sarà primo assistente; non si tratta di un declassamento, anzi, di una dimostrazione di fiducia da parte della società che lo ha voluto ancora nei suoi ranghi. A completare lo staff Angelo Vitelli, in arrivo da Teramo, che sostituirà Paolo D’Angelo, unico partente dopo un anno di proficua e costruttiva collaborazione.

Adesso le attenzioni verranno rivolte al mercato: si lavorerà per le conferme, e già si fanno con insistenza i nomi di Ferraro e Rocchi, poi per completare il roster con parecchi nuovi arrivi, se è vero che, a parte i due, quasi tutti i i protagonisti della stagione appena conclusa, potrebbero essere in uscita. Le prime illazioni prevedono il ritorno di Santiangeli, proprio nel luogo in cui ha spiccato il volo nel basket professionistico, si parla molto dell’ex Fabriano Merletto. Ma si tratta comunque di semplici voci, da verificare.

Non sarebbe male, se fosse arrivato il momento di appendere le scarpette al chiodo, di trovare un ruolo dirigenziale importante per Nelson Rizzitiello (potrebbe lasciare i gradi di capitano a Ferraro), che da tempo ha intrapreso un’attività di professionista nel campo della consulenza finanziaria e avrebbe senz’altro la possibilità di conciliare entrambe le cose.

Per tutto il resto, c’è solo da aspettare: la prima scelta parla chiaro, la General Contractor vuole fare sul serio.






Questo è un articolo pubblicato il 03-07-2022 alle 09:57 sul giornale del 04 luglio 2022 - 383 letture

In questo articolo si parla di sport, articolo, giancarlo esposto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dd6n





logoEV
logoEV