contatori statistiche

"Il trovatore", prove in corso al Pergolesi per l'opera inaugurale della 55esima Stagione Lirica

2' di lettura 12/10/2022 - Al Teatro Pergolesi di Jesi ferve l’attività - in palcoscenico, dietro le quinte, in sartoria e nel laboratorio scenografico - per l’opera inaugurale della 55esima Stagione Lirica di Tradizione, “Il trovatore” di Giuseppe Verdi, una nuova produzione “made in Jesi” che andrà poi in altri tre palcoscenici nazionali: al Teatro Sociale di Rovigo, al Teatro Comunale “Mario Del Monaco” di Treviso, e presso la Fondazione Teatro Coccia di Novara.

L’ordine del giorno, oggi, convoca direttore d’orchestra, regista, scenografo e costumista, cantanti, figuranti, direttore di palcoscenico, maestri di palco e al pianoforte, macchinisti, attrezzisti, elettricisti e sarte… tra prove musicali e di regia... il Trovatore sta a poco a poco prendendo forma all’interno del Teatro Pergolesi... nell’attesa trepidante di un nuovo debutto.

L’opera andrà in scena venerdì 21 ottobre ore 20.30 e domenica 23 ottobre ore 16, con un’anteprima giovani riservata alle scuole partecipanti al progetto “Musicadentro 2022”. Cantano Marily Santoro (Leonora), Gaston Rivero (Manrico), Jorge Nelson Martínez González (Il Conte di Luna), Carmen Topciu (Azucena), Carlo Malinverno (Ferrando), Francesco Marsiglia (Ruiz), Brigida Garda (Ines), Gianni Paci (Un vecchio zingaro) e Alessandro Pucci (Un messo). Il M° Francesco Rosa dirige la FORM - Orchestra Filarmonica Marchigiana Firma la regia Deda Cristina Colonna, scene e costumi sono di Domenico Franchi. Il Coro è il Coro Lirico Marchigiano “V. Bellini”.

Andato in scena il 19 gennaio 1853 al Teatro Apollo di Roma, “Il trovatore” è uno dei capolavori verdiani, esempio di teatro costituito da personaggi consumati da forti passioni. Un melodramma dal fascino immediato, dai tratti semplici e caratteristici che conquistano il pubblico da più di un secolo e mezzo. Per questo nuovo allestimento, la regista Deda Colonna tinge la vicenda dei colori della notte. “È l’ultima notte del Medio Evo – spiega nelle sue note di regia - e rappresenta il buio delle superstizioni, l’oscurità in cui si bruciano le streghe, dove l’amore è espresso come diritto di possesso e la menzogna è sconfitta quando ormai è troppo tardi. L’ambiente di ispirazione quattrocentesca proposto per questa regia è il contesto di questa laboriosa e dolorosa, tutta romantica ricerca della verità, intesa come armonizzazione degli opposti. Personaggio centrale della vicenda è Leonora, vittima della notte del cuore, dominata dal conflitto tra l’amore barbaro ed appassionato del Conte ed il sentimento immaturo e deludente di Manrico. Nel finale dell’opera, la verità rivelata da Azucena celebra l’alba in cui la luce della verità inaugura il riscatto dell’uomo dalla notte dell’ignoranza e della menzogna”.

BIGLIETTI: da 15 a 70 euro

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI: Biglietteria Teatro Pergolesi: tel. +39 0731 206888 – mail biglietteria@fpsjesi.com

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Jesi.
Per Whatsapp aggiungere il numero 376.0319490 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_jesi o cliccare su t.me/viverejesi. Per tutte le notizie cercare il canale @viverejesi2 o cliccare su t.me/viverejesi2.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-10-2022 alle 18:26 sul giornale del 13 ottobre 2022 - 80 letture

In questo articolo si parla di teatro, attualità, jesi, fondazione pergolesi spontini, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dvz4





logoEV
logoEV
qrcode