contatori statistiche

Maiolati Spontini: Il sindaco Consoli: «Attacchi inaccettabili, anche da chi è responsabile di quello che viene imputato a noi. Abbiamo ricucito i rapporti con il territorio»

Comune di Maiolati Spontini 6' di lettura 13/10/2022 - «Attacchi inaccettabili, che arrivano anche dai diretti responsabili di quello che, senza alcun ritegno, viene imputato a noi. Non è stata certamente questa Amministrazione a non aver saputo gestire le relazioni con gli altri Comuni o con gli organi sovracomunali, né si può dare a noi la responsabilità del buco di oltre 900 mila euro sulla parte corrente del bilancio comunale che abbiamo ricevuto in eredità. Eppure, senza gli introiti della discarica e nel pieno dei due anni di pandemia, abbiamo riportato in attivo i conti e iniziato a riprogettare il futuro della nostra comunità e del territorio».

Il sindaco Tiziano Consoli parte da qui per replicare alla nota diffusa nei giorni scorsi dal Partito Democratico, Movimento Cinque Stelle, Sinistra Italiana, PCI.

«È fin troppo evidente – continua il primo cittadino – il disastro nei rapporti fra istituzioni locali delle procedenti Amministrazioni, basti ricordare come è stata affrontata la questione dell’ampliamento della discarica, che ha condotto due Comuni a fare un ricorso al Tar e al Consiglio di Stato, e i cui effetti hanno comportato anche gli aumenti dei costi che la nostra Amministrazione si sta sobbarcando per procedere alla copertura dell’impianto. Che dire poi della, quanto meno, inadeguata gestione della fusione con il comune di Rosora, che ha allontanato gli altri enti da una logica di condivisione e compartecipazione. Per quanto riguarda il Cis, siamo ben consapevoli di come sia una società preziosa per il territorio, che sta svolgendo un’attività importante di sostegno ai Comuni nella riscossione tributaria, nell’efficientamento energetico (con la sostituzione dei led nella pubblica illuminazione) e che sta cercando sinergie, sollecitate anche da questa Amministrazione, con altre società partecipate del territorio. È assolutamente improprio parlare di un suo svuotamento visto che, con l’entrata in funzione del gestore unico sul tema dei rifiuti, un ramo d’azienda passerà direttamente a Vivaservizi in maniera automatica, con accordi provinciali che anche altre società partecipate della provincia di Ancona stanno siglando».

Sul fronte dei conti pubblici, il sindaco Consoli parte dal mettere in evidenza come per circa un ventennio si sia potuto contare su oltre 60 milioni di euro di entrate della discarica, fino poi ad arrivare ai conti gravemente in rosso ricevuti in eredità. «Ci chiedete cosa abbia fatto l’Amministrazione? Ebbene – dice Consoli – anzitutto abbiamo cercato di ricucire i rapporti con i Comuni confinanti, tanto che sono state fatte diverse progettazioni con Castelbellino e Monte Roberto per la riqualificazione urbana collegata al progetto Pinqua. Sempre con Castelbellino abbiamo lavorato insieme al rifacimento delle piste ciclopedonali che mettono in comunicazione i due territori, mentre sono ben nove i Comuni che partecipano oggi all’Università degli adulti della Media Vallesina, una realtà che, nonostante la chiusura dell’Unione dei Comuni, abbiamo sostenuto e di cui ci siamo fatti parte attiva per consentirne l’ampliamento e il rafforzamento tramite lo strumento della convenzione. Stiamo lavorando anche per la costituzione del Distretto culturale nella Media Vallesina, che sarà impegnato in una progettazione culturale diffusa ed uniforme sui sette Comuni che sono stati coinvolti».

E ancora. Sul fronte dei lavori pubblici il sindaco Consoli sottolinea come «il progetto “Pinqua città lineare” abbia portato ad ottenere ben 6 milioni di euro per investimenti, volti a riqualificare a Moie, nella frazione più popolosa, edifici ormai in disuso, come le due vecchie scuole, e un’intera area nei pressi di via Torrette. Un progetto che porterà a un incremento abitativo mediante la realizzazione di abitazioni da destinarsi a persone meno abbienti a canone agevolato. Per non parlare della partecipazione a numerosi bandi di cui aspettiamo l’esito, sia sul dissesto idrogeologico, sia su Maiolati capoluogo, via Cornacchia e via Colmorino, mentre è stato realizzato uno studio di fattibilità per il recupero della casa natale di Spontini con gli interventi del sisma. Tutto questo realizzato in una fase particolarmente complessa, durante i due anni e mezzo di pandemia, gestita grazie anche alla realizzazione del Polo vaccinale in sinergia con 12 Comuni coordinati da Maiolati Spontini. Proprio per fronteggiare gli effetti della crisi dovuta al Covid abbiamo predisposto interventi a favore delle attività produttive e delle associazioni, completamente esentate, in quella difficile fase, da ogni canone da parte dell’ente comunale. Anche quello è stato un modo per contribuire a riallacciare i rapporti col territorio».

Consoli condanna come «veramente grave la strumentalizzazione portata avanti dai gruppi politici che, nella nota da loro sottoscritta, ci indicano come responsabili anche delle conseguenze dell’alluvione che ha colpito particolarmente il quartiere di via Torrette. Una cosa inaccettabile – chiosa il sindaco – posto che dalla sera stessa dell’evento è stata attivata l’emergenza. È intervenuta subito al Protezione civile e si è dato massimo sostegno alla famiglie interessate. Grazie al lavoro dei volontari, degli addetti comunali e di ditte specializzate, in soli tre giorni sono state portate vie le macerie ed è stata ripristinata la circolazione. Per quanto riguarda la pulizia dei fossi e degli alvei dei fiumi, si tratta di una competenza della Regione e del Consorzio di bonifica, soggetti cui sono state segnalate le problematiche legate, tra l’altro, ad opere realizzate in passato e mai monitorate dalle precedenti Amministrazioni, come il sottopasso della variante al collegamento della Statale 76».

Il sindaco guarda avanti e ricorda anche l’intenso lavoro sul fronte della cultura e del turismo. «Le celebrazioni per il 250esimo anniversario della nascita di Gaspare Spontini – ricorda Consoli – sono entrate nell’ambito della programmazione regionale con interventi economici e finanziari riguardanti sia spettacoli dal vivo che manifestazioni sul nostro territorio ed oltre. A offrire uno sguardo più ampio e a valorizzare le nostre potenzialità sarà anche il complesso progetto Maspo, che ha come scopo la riqualificazione e riprogettazione del nostro Comune come “Territorio in musica”. E a poter dire la loro, in maniera più strutturata e incisiva, saranno anche i giovani, grazie al nuovo strumento della Consulta in fase di costituzione. Insomma, respingiamo al mittente tutte le infamanti accuse rivolte irrispettosamente al sindaco e all’Amministrazione, che stanno operando nell’interesse di tutti i cittadini. Va contestata aspramente questa modalità di fare opposizione, non costruttiva, volta a demonizzante gli avversari e che, a ben guardare, costituisce fondamentalmente un grosso segnale di debolezza delle forze politiche che ci hanno chiamato in causa».






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-10-2022 alle 14:56 sul giornale del 14 ottobre 2022 - 218 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di maiolati spontini, Maiolati Spontini, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dvLe





logoEV
logoEV
qrcode