contatori statistiche

Calcio: La Jesina prende l’ascensore. Terza vittoria di fila e secondo posto solitario in classifica

4' di lettura 13/11/2022 - Restano ancora cinque i punti di ritardo sulla capolista Atletico Ascoli, ma il campionato è ancora lungo. Tutto è ancora possibile.

Intanto Strappini e i suoi ragazzi meritano di festeggiare questa vittoria: la Forsempronese si è infatti dimostrata una signora squadra, forte in ogni reparto, arcigna in difesa, veloce nelle ripartenze. Insomma, una vittoria della quale essere felici e orgogliosi. Poi si potrà pensare già i prossimi due impegni ravvicinati, mercoledì 16, ritorno di Coppa contro l’Urbino (ore 19:00) e sabato 19, anticipo all’Helvia Recina di Macerata.

Contro la Forsempronese è stata partita vera, novantasette minuti (compresi recuperi) di grande spessore, tra due squadre che hanno dimostrato di meritare il posto che occupano in classifica.

Nei minuti iniziali la squadra di Fucili mette subito le cose in chiaro: non è scesa a Jesi per una passeggiata, ma per fare la partita e in effetti la partenza è buona, con giocate veloci e scambi rapidi che non tardano a mettere in difficoltà la retroguardia di casa. Certo, di vere occasioni da rete non ce ne sono ed il nostro taccuino rimane pressoché vuoto, ma la Jesina fa fatica a emergere e imporre il proprio gioco.

Il primo assaggio è della Forsempromese al 9’: uscita fuori tempo di Minerva, ma Battisti non ne approfitta mandando la sfera sull’esterno della rete, da posizione un po' decentrata. Ancora Battisti a tentare la via della rete al 23’, in chiusura di una triangolazione con Pagliari, ma il tiro è troppo debole per impensierire Minerva, che blocca a terra.

Unico vero pericolo per la porta di casa, se tale vogliamo considerarlo, un tiro di Pagliari al 45', scagliato praticamente dalla linea di fondo, con Minerva ben appostato che respinge.

Come detto Jesina in difficoltà a inizio match, ma con il passare dei minuti la squadra di Strappini riesce a organizzarsi. Il suo meglio lo farà vedere nella ripesa, anche per l’ingresso in campo di Trudo, una mossa che si rivela estremamente azzeccata, che cambierà il volto alla partita.

È il 16’, quando Trudo prende il posto di Jachetta, oggi non particolarmente brillante: in campo da appena 6’, l’attaccante lascia partire una conclusione che non lascia scampo a Marcantognini. Pochi secondi prima 21’ Giovannini e Iori non erano riusciti a chiudere un’azione ben congegnata. Sulla prosecuzione Trudo lascia partire una conclusione la cui parabola, fa finire la sfera appena sotto alla traversa, mettendo fuori causa Marcantognini. Un gol di quelli che soli valgono il prezzo del biglietto. 1-0.

Con la squadra ospite che prova ad assediare una Jesina rinfrancata, con l’entusiasmo a mille, al 32’ ci prova Campana, con una botta dal limite che sorvola l’incrocio dei pali.

Fucili pesca a piene mani nella propria panchina, alla fine saranno cinque i cambi, ma la Jesina ribatte colpo su colpo, magari con qualche brivido, come al 39’ quando un provvidenziale intervento di Cameruccio devia in angolo la conclusione di Battisti. E ancora al 43’, quando Orlietti devia con la testa una conclusione praticamente a botta sicura, da parte di un attaccante che non siamo riusciti a identificare.

Sì, perché la Forsempronese anche quest’anno si è presentata in campo con una maglia dai numeri resi indecifrabili da una scelta discutibile dei colori. Una soluzione cromatica bizzarra. Non vogliamo discutere dei gusti altrui, ma lavorare così distanti dal campo, dalla nostra profonda tribuna, non è stato facile: magari in qualche altro stadio non lo sarebbe stato. Roba da andare a casa con mal di testa! Per non parlare del solerte addetto alle sostituzioni della squadra ospite, che nelle cinque occasioni in cui è stato chiamato in causa, si è dimenticato di rivolgere la lavagna luminosa verso la tribuna.

Disguidi a parte, la Forsempronese si è dimostrata una signora squadra, il che avvalora la prestazione della Jesina. Un autentico big match che valeva la seconda posizione di classifica e la squadra di Strappini è stata brava a far suoi i tre punti.

Ed ha avuto ragione Fucili a rammaricarsi, in sala stampa, dichiarando di non capacitarsi, per aver perso, dopo una prestazione come questa.

JESINA-FORSEMPRONESE 1-0

Jesina: Minerva, Martedì, Cameruccio, Capomaggio, Borgese (31’ pt Garofoli), Orlietti, Dolmetta (40’ st Ciavarella), Campana, Iori, Jachetta (15’ st Trudo), Giovannini. All: Strappini.

Forsempronese: Marcantognini, Riggioni, Mea, Bucchi (37’ st Gaia), Rosetti, Codignola, Loberti (24’ st Tonucci), Conti (45’ st Sapaccazzocchi), Pagliari (4’ st Palazzi), R. Pandolfi (29’ st L.Pandolfi), Battisti. All: Fucili.

Arbitro: Sarnari di Macerata

Rete: 21’ st Trudo

Ammoniti: 16’pt Capomaggio, 44’ pt Dolmetta, 45’ pt R.Pandolfi, 7’ st Loberti 20’ st Codignola

Calci d’angolo 2-2.

Spettatori 500 circa.






Questo è un articolo pubblicato il 13-11-2022 alle 19:04 sul giornale del 14 novembre 2022 - 258 letture

In questo articolo si parla di sport, articolo, giancarlo esposto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dCnR





logoEV
logoEV
qrcode