contatori statistiche

Cosa fanno i giovani jesini nel tempo libero?

Indagine sul tempo libero dei giovani a Jesi 2' di lettura 26/11/2022 - I risultati della prima indagine fatta dalla Costess per conto dell'ASP, su circa 500 questionari, verranno presentati in un incontro pubblico martedì 29 novembre 2022.

Quasi 500 questionari raccolti, pari a poco meno del 20% degli adolescenti di Jesi tra gli 11 e i 19 anni, per la prima ampia indagine sul tempo libero dei nostri giovani. I
risultati del lavoro svolto dalla Costess, per conto dell’Asp Ambito 9, saranno presentati ufficialmente martedì prossimo a Palazzo dei Convegni (inizio ore 16,30) in un incontro pubblico a cui interverranno il sindaco Lorenzo Fiordelmondo, l’assessora alle politiche giovanili Emanuela Marguccio, la presidente e il direttore dell’Asp, rispettivamente Gianfranca Schiavoni e Franco Pesaresi.
L’indagine sarà illustrata da Silvia Tommasoni, responsabile dell’Unità Minori e Famiglia dell’Asp insieme a Doriano Pela, coordinatore della Costess. Centrale sarà poi l’intervento di Marco Rossi-Doria, figura di riferimento nazionale nelle politiche educative e sociali, già sottosegretario all’istruzione.

L'incontro sarà moderato dal vicesindaco e assessore ai servizi sociali Samuele Animali.

Le prime anticipazioni parlano di adolescenti che pongono strade e piazze al primo posto nei luoghi di incontro, seguiti da parchi ed aree verdi. Ma sono i social a catturare la loro attenzione, con una connessione attiva quasi sempre per più di due ore al giorno.

Nell’analisi vengono evidenziate anche le richieste che giungono dagli adolescenti: più contesti per coltivare le relazioni amicali; più spazi e momenti per condividere i vissuti emotivi ed esperienziali; nuove forme di cittadinanza attiva e maggior impegno della politica nell’ascolto delle nuove generazioni.

Ne viene fuori una lettura dettagliata dei giovani, dei loro luoghi e tempi di aggregazione in città, delle loro aspettative e anche delle loro incertezze. Uno studio articolato che ha messo bene in fila i tre obiettivi che si voleva concretizzare con questo progetto: una conoscenza della realtà giovanile, l’individuazione dei bisogni e delle problematiche riguardanti l’aggregazione alla luce dei cambiamenti generati dalla pandemia; infine, la definizione degli interventi ritenuti necessari per favorire l’aggregazione ed evitare situazioni di isolamento e di disagio soprattutto per le fasce più deboli. Un’indagine che restituisce una fotografia nitida della realtà giovanile, utile strumento per la politica e le istituzioni, per il mondo dell’associazionismo e del terzo settore e, più in generale, per tutti i soggetti che sono impegnati a supportare le famiglie nella formazione e nella crescita dei nostri ragazzi.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Jesi.
Per Whatsapp aggiungere il numero 376.0319490 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_jesi o cliccare su t.me/viverejesi. Per tutte le notizie cercare il canale @viverejesi2 o cliccare su t.me/viverejesi2.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-11-2022 alle 11:09 sul giornale del 28 novembre 2022 - 794 letture

In questo articolo si parla di tempo libero, attualità, jesi, Comune di Jesi, indagine, comunicato stampa, giovani jesini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dE0h





logoEV
logoEV
qrcode