contatori statistiche

Montecarotto e Jesi: il fascino delle "Quattro Stagioni" al Festival Internazionale del Barocco

2' di lettura 05/12/2022 - In cartellone anche un “Concerto per la Natività” a Jesi e Loreto.

Un evento musicale esclusivo tocca il cuore delle Marche coniugando grande repertorio, interpreti di eccellenza, sedi di prestigio e atmosfera. Nella bomboniera storica del Teatro di Montecarotto la sera del 15 dicembre (ore 21) e nella cornice di meraviglia settecentesca di Palazzo Pianetti a Jesi il 16 dicembre (ore 18), è di scena la magia musicale di Venezia attraverso la collezione di concerti per violino e orchestra più famosa di Antonio Vivaldi: “Le Quattro stagioni”.

A interpretarla la celebrata Orchestra Barocca delle Marche, con Primo Violino e Concertatore la stella internazionale Federico Guglielmo, che non è solo un virtuoso assoluto del violino barocco, ma anche uno dei maggiori specialisti mondiali della musica del “Prete rosso”. La produzione è di Fondazione “Alessandro Lanari”, nel cartellone del Festival Barocco delle Marche che essa organizza con la collaborazione e il sostegno di vari partner istituzionali pubblici e privati.

Oltre all’appuntamento con Vivaldi, il Cartellone prevede anche un raro e raffinato concerto “In Natività di N.S. Gesù”, a Jesi (Palazzo Pianetti) il 22 dicembre e a Loreto il 23, con musiche di Corelli, Händel, Torelli e Vivaldi espressamente dedicate alla notte di Natale: l’Orchestra Barocca delle Marche vi è guidata come Primo Violino e Concertatore da un altro grande artista internazionale, Luca Giardini.

LE QUATTRO STAGIONI è il titolo collettivo con cui sono noti i primi quattro concerti per violino solista e orchestra di Antonio Vivaldi (1678-1741), composti nei primi anni Venti del ‘700, parte della raccolta ”Il cimento dell’armonia e dell’inventione” op. 8 che conta dodici concerti. Sono composizioni a chiaro carattere descrittivo, esempio originario di “musica a programma”, ognuno dei quali riferito a una delle stagioni: la Primavera, l'Estate, l'Autunno e l'Inverno. Ciascuno presenta tre movimenti, con il primo e il terzo in tempo veloce di Allegro o Presto e quello centrale in tempo lento di Adagio o Largo, secondo schema ricorrente nella maggior parte dei concerti di Vivaldi.

La primavera descrive il canto degli uccelli (allegro), il riposo del pastore con il suo cane (largo) e la danza finale (allegro).

L'estate riflette la carica esplosiva della stagione, compresa la descrizione di una tempesta che si avvicina nella calura estiva (allegro non molto - allegro), con il pastore che si spaventa per l'improvviso temporale (adagio) e la forza sprigionata dalla tempesta in azione (presto).

L'autunno racconta una panoramica della vendemmia (allegro), con l'ebbrezza da vino in un clima trasognato e sereno (adagio molto) e ritmi martellanti che richiamano la caccia (allegro).

L'inverno pennella sapientemente l'azione inarrestabile del vento gelido (allegro non molto), la pioggia che cade lenta sul terreno ghiacciato (largo) e la serena accettazione da parte dell’uomo del rigido clima invernale, come forse dell’esistenza stessa (allegro).








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-12-2022 alle 09:23 sul giornale del 06 dicembre 2022 - 164 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dGH1





logoEV
logoEV
qrcode