x

SEI IN > VIVERE JESI > CRONACA
articolo

Addio a Vialli, l'abbraccio indimenticabile con Mancini a Wembley

2' di lettura
388

di Giancarlo Esposto


L'immagine più bella, quella che ricorderemo per sempre, quell'abbraccio pieno di commozione tra Mancini e Vialli. Il CT jesino "Amici e fratelli per sempre".

Vale più di un gol, di un rigore parato, perché in quell'abbraccio c'erano, non solo due carriere calcistiche vissute insieme, ma anche una profonda amicizia.

Quando Mancini aveva deciso di ricostruire la Nazionale, non aveva avuto dubbi: voleva Vialli al suo fianco. E quel sogno in cui credevano più di tutti, a Wembley si è avverato regalando in una giornata di luglio il trionfo contro l'Inghilterra, vincendo 4-3 ai calci di rigore e alzando la coppa di Euro 2020.

Una delle ultime appariziono in tv è di un paio di mesi fa. “Quello che in queste ore mi torna sempre, continuamente in mente è il non detto. Ci siamo spesso scambiati sguardi in cui c’era molto di più delle parole che non servono a niente. Perché quando uno si trova in quella condizione non è che puoi dire una cosa consolatoria. Con una persona accorta, consapevole, intelligente non ha senso dire parole consolatorie. Quindi la sopportazione di quel peso è quanto di più esemplare si possa fare e lasciare agli altri.”; il conduttore televisivo Fabio Fazio ha ricordato al Tg1 Gianluca Vialli ospite della sua trasmissione "Che tempo che fa”.

Dopo la prematura scomparsa di Siniša Mihajlović, il calcio piange un'altra tragedia che tocca ancora una volta il nostro Roberto Mancini da vicino. Ai funerali di Mihajolvic ha portato il feretro con grande commozione, un ultimo gesto per un amico fraterno. Proprio come lo era, e ancor di più, Gianluca Vialli.

Un messaggio significativo e commovente è proprio quello di Arianna, la moglie di Siniša, che ha affidato ad un post su Instagram, una dedica a Vialli, commentando così, una foto che li ritraeva da avversari: “Sai quante partite lassù…”.

Anche Federica, moglie del compianto Paolo Rossi, ha salutato Vialli, postando sullo stesso social una foto con Vialli e Rossi abbracciati e sorridentei: "Ciao Luca, anima bella - nella didascalia - nonostante la malattia e la tua battaglia per la vita mi sei stato vicino da quando Pablito (così ti piaceva chiamarlo) se n'è andato". Sei stato un combattente vero. È un dolore che si rinnova."

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp, Telegram, Viber e Signal di Vivere Jesi.
Per Whatsapp iscriviti al nostro canale oppure aggiungi il numero 376.0319490 alla rubrica ed invia allo stesso numero un messaggio con scritto "notizie on".
Per Telegram cerca il canale @vivereJesi o clicca su t.me/viverejesi. Per Viber clicca qui. Per Signal clicca qui.




Questo è un articolo pubblicato il 07-01-2023 alle 12:15 sul giornale del 09 gennaio 2023 - 388 letture






qrcode