x

SEI IN > VIVERE JESI > CRONACA
articolo

Scomparsa di Andreea Rabciuc: due novità dalla trasmissione "Chi l'ha visto"

3' di lettura
7382

di Michele Paoletti
redazione@viverejesi.it


In occasione dell’anniversario della scomparsa della ventottenne di origine rumena Andreea Rabciuc, la nota trasmissione di Rai3 “Chi l’ha visto?” è tornata a puntare i fari sulla vicenda nella puntata di mercoledì sera. E come al solito sono emersi nuovi fatti interessanti.

In sostanza le novità sono due: una lettera in cui la mamma della giovane, Georgeta Cruceanu, chiama di nuovo in causa gli amici ed il fidanzato, invitandoli a raccontare quello che saprebbero in più e che non avrebbero ancora detto, ed il commento su un profilo Facebook di un presunto testimone oculare.

Prima dell’accurato servizio mandato in onda, a firma della giornalista Veronica Briganti in cui vengono ricostruite dettagliatamente tutte le versioni dei vari personaggi coinvolti, è stata appunto letta dalla nota conduttrice Federica Sciarelli una lettera manoscritta di mamma Georgeta, in cui la signora, disperata, torna a spronare gli amici della figlia Aurora e Francesco ed il fidanzato Simone, lasciando intendere che non abbiano detto la verità fino in fondo sulla notte della scomparsa: “Non vedo mia figlia da un anno e non so che cosa le sia successo. Nessuno degli individui che era con lei penso dica tutta la verità: ‘Perché è scomparsa?’. Mi rivolgo ad Aurora e Francesco: parlate dite la verità. Se qualcun altro sa cosa è successo, parli, mi faccia riavere mia figlia. A Simone Gresti dico che ha responsabilità quanto meno morali. Le ha sequestrato il telefono, si è reso irreperibile per due giorni: e poi? Farò di tutto per far riemergere la verità, mi hanno tolto la mia unica e amata figlia: per favore aiutate una mamma disperata”.

Inoltre, nel corso della trasmissione è stato mostrato il post sul profilo Facebook un sito di informazione locale, sotto al quale è comparso il commento di un uomo che scrive di aver visto Andreea il giorno della sparizione, anche se non è andato dagli inquirenti a raccontare la cosa: “Eppure ricordo che quella ragazza l'ho vista - si legge nel post - scendere la mattina verso le 6,50 dalla strada detta montecarottese verso Moie.. Con una felpa col cappuccio in testa.. Quella strada la faccio tutte le mattine”. “Un post che sarebbe importantissimo – ha osservato in diretta la Sciarelli – quello di questo signore che dice di aver incontrato una ragazza vestita come lei il giorno della scomparsa. Perché è importante questo? Perché gli amici sostengono che alla fine della festa Andreea se n’è andata via, però non la vede nessuno. Adesso c’è questa persona che dice ‘io non sono andato dagli inquirenti, ma l’avevo scritto e nessuno mi ha dato retta'…”.

Insomma, come fatto già in passato, la trasmissione di Rai3 che dal 1989 si occupa di persone scomparse (una delle più longeve della Tv italiana) ha smosso ancora le acque su questo caso apparentemente inspiegabile, sul quale rischiano di spegnersi i riflettori troppo presto. Vedremo se ci saranno sviluppi che possano portare ad un avanzamento delle indagini e, come sperano tutti, alla verità su Andreea.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp, Telegram, Viber e Signal di Vivere Jesi.
Per Whatsapp iscriviti al nostro canale oppure aggiungi il numero 376.0319490 alla rubrica ed invia allo stesso numero un messaggio con scritto "notizie on".
Per Telegram cerca il canale @vivereJesi o clicca su t.me/viverejesi. Per Viber clicca qui. Per Signal clicca qui.




Questo è un articolo pubblicato il 16-03-2023 alle 11:56 sul giornale del 17 marzo 2023 - 7382 letture






qrcode