x

SEI IN > VIVERE JESI > SPETTACOLI
articolo

Con Creation 3x3 la danza contemporanea entra al Mercato delle Erbe di Jesi

3' di lettura
1006

di Michele Paoletti
redazione@viverejesi.it


Si chiama “Creation 3x3 - From Gaga to performance” ed è un workshop internazionale innovativo di danza, frutto della collaborazione tra l’amministrazione comunale di Jesi e le scuole di danza Cinzia Scuppa di Jesi e La Luna Dance Center di Ancona, che si terrà a Jesi tra nel prossimo fine settimana (31/3 e 1-2/4).

Il Gaga è un genere di danza creato dal coreografo israeliano Ohad Naharin della Batsheva Dance Company (una delle maggiori compagnie di danza contemporanea al mondo), che è nato come metodo per preparare a livello psico-fisico il danzatore a sviluppare qualsiasi stile di danza contemporanea. Ci saranno tre giornate di studio e lavoro che sfoceranno nella performace aperta al pubblico di domenica 2 aprile in tre orari, per favorire l’accesso al pubblico (19:30, 21:00 e 22:00), con 150 spettatori alla volta che siederanno in mezzo ai performer, entrando così a far parte dello spettacolo stesso. Il luogo scelto è senz’altro inedito e “non convenzionale”, ovvero quello del Mercato di piazza delle Erbe, all’interno del quale il Comune ha provveduto a sgomberare e ripulire una parte inutilizzata da anni, per renderla fruibile per questa eccezionale manifestazione. Gli insegnanti sono tre figure di spicco: Matan Cohen e Gianni Notarnicola da Tel Aviv dalla Batsheva Dance Company e Nunzia Picciallo da Roma che è una freelance dancer ed insegnante certificata Gaga.

C’è tutto quello che serve perché sia una cosa di rilevanza culturale per la città – ha detto il presidente della Luna Dance Center Cristiano Marcelli -. Le altre esperienze di workshop Gaga da noi organizzate, erano state fine a se stesse, in questa di Jesi punteremo sulla preparazione psico fisica della parte creativa del danzatore, che è il motivo per il quale il Gaga è stato creato. La creazione sarà poi inscenata nella serata finale dagli artisti partecipanti al gruppo di lavoro al mercato delle Erbe”. “La danza contemporanea ci dimostra che può essere un linguaggio che unisce – ha riferito Cinzia Scuppa dell’omonima scuola di danza jesina – e porta infatti a Jesi tantissimi danzatori da tantissime parti come Milano, Padova, Modena e anche dalla Grecia”.

Come amministrazione siamo onorati di ospitare questa interessante iniziativa – ha osservato l’assessore alla cultura del Comune di Jesi, Luca Brecciaroli – che va nella direzione di aprirci sempre più a situazioni artistico-culturali di livello importante e di scambio col territorio. Proprio per questo come Comune di Jesi abbiamo fatto uno sforzo per mettere a disposizione un luogo particolare come il Mercato di piazza delle Erbe, per aprire la città a situazioni non convenzionali. Quando si riescono a fare dei laboratori o degli spettacoli in luoghi che non sono quelli ‘deputati a’, come ad esempio il teatro, vengono fuori situazioni interessanti, che servono anche a noi ai cittadini per vedere ed esplorare diversamente uno spazio noto che vedi tutti i giorni ma senza farci caso”.





Questo è un articolo pubblicato il 28-03-2023 alle 14:51 sul giornale del 29 marzo 2023 - 1006 letture






qrcode