contatori statistiche

Cantiere Amazon alla Coppetella, per i residenti iniziano i disagi

2' di lettura 30/03/2023 - Con l’apertura del cantiere per la realizzazione dell’hub del colosso Amazon alla Coppetella di Jesi, venticinque famiglie si sono trovate a dover affrontare le prime difficoltà che tale rivoluzione comporterà, denunciandole alla stampa.

La delimitazione dell’area dei lavori per la costruzione del maxi polo logistico, infatti, ha tagliato fuori diverse abitazioni che si trovano nelle campagne circostanti, in zona ancora sotto territorio comunale di Jesi. Queste case sparse lungo la tortuosa via Coppetella, fino al 23 marzo scorso erano collegate alla Provinciale che porta da Jesi a Chiaravalle (denominata via Ancona e via Marche nel territorio jesino) dal sottopasso all’altezza del ristorante Coppetella, oppure, più avanti, dalla rotatoria di fronte all’ex Mercatone Uno.

Ora, le due vie sono interrotte dal recinto del cantiere, da una parte all’altezza del civico 11 (poco dopo il sottopassaggio), dall’altra in fondo al cavalcavia che scavalca la ferrovia Ancona-Roma (poco dopo la rotatoria ex Mercatone Uno). La nuova viabilità impone, una volta aver valicato il cavalcavia, di girare a destra verso Chiaravalle, arrivare praticamente all’ingresso della città nella zona dove sorge l’IIS Podesti, per poi svoltare di nuovo a destra e tornare beffardamente indietro, passare sotto la Superstrada 76, costeggiarla per un tratto, ripassarvi sotto e tornare verso l’Interporto. Il tutto per un totale di circa tredici chilometri andata/ritorno in più per arrivare a Jesi città, al fronte del chilometro e poco più che mediamente i residenti impiegavano prima. Una gincana che per molti di loro non conviene più percorrere se non costretti da cause di forza maggiore (posto di lavoro, urgenza ospedaliera), tanto da far risultare più conveniente spostare su Chiaravalle tutte le altre attività della vitta di tutti i giorni.

Il tutto senza considerare che lo sbarramento imposto dai lavori per il nuovo hub Amazon, non consente a chi non è automunito di arrivare a piedi alla provinciale Clementina per prendere un mezzo pubblico. Insomma, per qualcuno la grande rivoluzione che la realizzazione del polo logistico più grande del sud Europa porterà a Jesi e bassa Vallesina è già iniziata, ma è tutt’altro che un cambiamento in senso migliorativo.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatasapp e Telegram di Vivere Jesi.
Per Whatsapp aggiungere il numero 376.0319490 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_jesi o cliccare su t.me/vivere_jesi. Per tutte le notizie cercare il canale @viverejesi2 o cliccare su t.me/viverejesi2.







Questo è un articolo pubblicato il 30-03-2023 alle 16:37 sul giornale del 31 marzo 2023 - 644 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, jesi, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/d1hT





logoEV
qrcode