x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Comitati di quartiere: le elezioni il 28 gennaio

3' di lettura
78
da Pinacoteca Comune di Jesi

Si svolgeranno il 28 gennaio 2024 le elezioni dei consigli direttivi dei Comitati di Quartiere della città di Jesi, i nuovo organismi senza scopo di lucro istituiti dal Consiglio comunale per rappresentare le esigenze e le istanze della zona territoriale di competenza. Il sindaco Lorenzo Fiordelmondo ha firmato il relativo atto che dà il via alle procedure amministrative per individuare cittadini che intendano candidarsi.

Si svolgeranno il 28 gennaio 2024 le elezioni dei consigli direttivi dei Comitati di Quartiere della città di Jesi, i nuovi organismi istituiti dal Consiglio comunale per rappresentare le esigenze e le istanze della zona territoriale di competenza. Il sindaco Lorenzo Fiordelmondo ha firmato il relativo atto che dà il via alle procedure amministrative per individuare cittadini che intendano candidarsi. Con l’indizione di tali elezioni sono state definite le sedi dei 10 seggi (uno per ciascun quartiere) e fissata la data del 29 dicembre per presentare le candidature. Le elezioni, come previsto dall’apposito Regolamento, si svolgono sulla base di una lista unica per ogni Quartiere, formata per autocandidature, da presentare sugli appositi moduli predisposti dal servizio comunale preposto. Si possono candidare tutti i cittadini che abbiano compiuto il 18° anno di età e che sono iscritti all’Anagrafe del Comune di Jesi. Possono viceversa votare coloro che hanno compiuto il 16° anno alla data delle elezioni.

Ogni lista deve essere composta da almeno 18 candidati e nessuno dei due sessi potrà essere rappresentato da un numero di candidati inferiore a 6. Nelle liste i candidati saranno inseriti in rigoroso ordine alfabetico ed i cittadini chiamati alle urne potranno indicare al massimo due preferenze, nel rispetto della parità di genere. Vengono eletti, per ciascun consiglio direttivo, i primi 9 membri che avranno ottenuto più voti. Tali incarichi sono ovviamente a titolo gratuito. I dieci seggi sono così individuati: Cantinone Via San Marino (quartiere Centro Storico), centro sociale Anacleto Stronati (quartiere Via Roma), centro sociale Aldo Morganti (quartiere Prato), ex centro sociale Via Tessitori (quartiere San Giuseppe), locale adiacente la chiesa del Sacro Cuore di Via Coppetella (quartiere ex Smia e zona industriale), bocciodromo Via Ravagli (quartiere Erbarella), ex II circoscrizione (quartiere San Francesco), ex circoscrizione Largo Allende (quartiere Coppi - Giardini Pubblici), centro sociale Colle Paradiso (quartiere Paradiso), ufficio comunale di prossimità (quartiere Minonna).

Nel sito internet del Comune sono indicati i confini toponomastici di ciascun quartiere. Con la costituzione dei Comitati di Quartiere si intende rendere più diretta la rappresentazione dei bisogni e delle proposte delle cittadine e dei cittadini in merito a prospettive, criticità e bisogni, favorendo una rete con associazioni, organizzazioni di volontariato e altri partner sociali, sportivi e culturali, coinvolgendo il maggior numero di residenti. I Comitati di Quartiere hanno funzioni consultive (attraverso il consiglio direttivo possono essere preventivamente informati e consultati ogni qualvolta l’Amministrazione debba adottare atti e provvedimenti rilevanti, aventi incidenza sul quartiere), propositive (di stimolo alla partecipazione attiva all’interno del quartiere e verso l’Amministrazione comunale) e funzioni autonome (organizzare iniziative, eventi, ecc.).



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-11-2023 alle 10:29 sul giornale del 03 novembre 2023 - 78 letture

All'articolo è associato un evento






qrcode