x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Inchiesta traffico illecito di rifiuti, Mancinelli (WWF): "Gravissimo sfruttamento ai danni del territorio locale”

2' di lettura
302
da WWF Marche
www.wwf.it/marche

Il WWF Marche esprime la propria soddisfazione e l'apprezzamento verso l'operato delle forze dell'ordine (Carabinieri Forestali e Guardia di Finanza di e Capitaneria di Porto Guardia Costiera di Ancona) e della Direzione Distrettuale Antimafia di Ancona per l'importante operazione che ha portato all'arresto di un imprenditore e alla misura dei domiciliari di altre 4 persone nell'ambito di un'indagine sul traffico illecito di rifiuti.

L'indagine ha anche rivelato presunte tangenti in enti pubblici locali, tra cui AST Ancona, INRCA e Jesi Servizi in un intricato quadro di interessi personali, truffe e corruzione di pubblici ufficiali, che invece di tutelare il bene comune, contribuivano al suo degrado.

Marco Mancinelli, Responsabile Attività di contrasto ai crimini di natura del Comitato Scientifico WWF Marche, sottolinea: “Fondamentale l'impegno costante della Procura della Repubblica di Ancona e delle Forze dell'ordine nella lotta contro il traffico illecito di rifiuti, un fenomeno che rappresenta una grave minaccia per l'ambiente e la salute pubblica. Emerge con preoccupazione il fatto che i rifiuti siano stati smaltiti illecitamente in prossimità di un asilo e di un’area protetta quale la Riserva Regionale Ripabianca di Jesi, violando le norme basilari della convivenza”.

Il WWF Marche ribadisce la sua ferma condanna per le pratiche illecite legate allo smaltimento dei rifiuti e si impegna al contempo a continuare a sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza di una gestione corretta dei rifiuti. La tutela dell'ambiente e delle risorse naturali rappresentano un obiettivo fondamentale per il futuro delle e nuove generazioni e il contrasto del traffico illecito di rifiuti è un passo cruciale per la conservazione del nostro territorio e la salvaguardia della salute dei cittadini Il WWF Italia è da sempre al fianco dell’Autorità Giudiziaria e delle Forze dell’Ordine per perseguire con determinazione coloro che si rendono responsabili di attività illegali legate al ciclo di rifiuti e al loro smaltimento.

“Anche in questo caso- aggiunge Marco Mancinelli- daremo mandato ai nostri legali di intervenire come parte offesa nel procedimento penale per poi costituirci parte civile contro i responsabili di quello che sembra emergere come un gravissimo sfruttamento ai danni del territorio locale”.

La garanzia di una giusta applicazione delle leggi ambientali e la tutela del nostro pianeta rappresentano un impegno condiviso che richiede la collaborazione di tutti i cittadini, delle istituzioni e delle organizzazioni ambientaliste al fine di assicurare un futuro migliore alle prossime generazioni e interrompere un pericoloso cortocircuito tra disprezzo delle leggi e interessi personali di imprenditori e pubblici funzionari.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-11-2023 alle 18:32 sul giornale del 04 novembre 2023 - 302 letture






qrcode