x

SEI IN > VIVERE JESI > ECONOMIA
pubbliredazionale

Le criptovalute più promettenti per il 2024

5' di lettura
26

di Redazione


Dicembre è iniziato alla grande per i mercati crypto, con Bitcoin che ha toccato il tetto dei 44000 dollari.

In particolare, due eventi stanno fomentando l’entusiasmo degli investitori che temono di restare esclusi dalla crescita esponenziale che si aspettano gli esperti: la prossima approvazione dell’ETF Spot di Bitcoin e l’imminente halving di primavera. Ma oltre a Bitcoin, ci sono molte altre criptovalute che esploderanno e che gli investitori non dovrebbero perdersi. Queste per noi le più promettenti del 2024.

BTCETF

Come non iniziare nella nostra carrellata da quello che è il progetto che più si lega agli eventi a cui abbiamo appena accennato. BTCETF è un token che vuole proprio celebrare questo evento “storico” per Bitcoin, ma anche per tutto il mondo delle criptovalute, dell’approvazione da parte della SEC del suo ETF Spot, fortemente sponsorizzato da giganti della finanza come Blackrock. Per ognuno dei 5 traguardi predefiniti, che si raggiungeranno durante la fase di approvazione, verrà bruciato il 5% dell’intera fornitura di token e verrà ridotta la tassa sulle transazioni dell’1%. La prevendita ha già superato i 3 milioni e 700mila dollari, a testimonianza della grande aspettativa attorno all’approvazione. È prevista anche la possibilità di mettere in stake i propri token sin da subito e guadagnare ricompense passive.

ETFETH

Blackrock ha avuto un ruolo molto significativo anche nel caso di Ethereum e dell’approvazione di un suo ETF Spot negli USA. Con ogni acquisto verranno immediatamente bruciati il 2% dei token. La tassa sugli acquisti verrà eliminata dopo l’approvazione dell’ETF.

La fornitura totale del token sarà di un miliardo, di cui il 95% dedicata alla liquidità DEX, il 5% alle quotazioni sul CEX. Non è prevista nessuna prevendita, ma un lancio su Uniswap e una tassa sul “buy burn” del 2% che verrà eliminata al momento dell’approvazione dell’ETF.

Bitcoin Minetrix

In vista dell’halving del 2024 e della probabile approvazione degli ETF spot su BTC, Bitcoin Minetrix, è un progetto che rende il mining di Bitcoin accessibile anche per coloro che non hanno la possibilità di accedere alle infrastrutture necessarie al mining attraverso il cloud-mining. Il token ha già superato i cinque milioni e 200 mila dollari, grazie all’entusiasmo suscitato negli investitori sia per l’introduzione del concetto dello stake-to-mine, sia per la possibilità di poter effettuare staking. Tramite lo staking si ottengono crediti per il mining, sotto forma di token ERC-20 non negoziabili. Con un acquisto minimo di 10 dollari sarà possibile partecipare alla prevendita e ricevere premi in BTC.

Bitcoin Minetrix presenta un'affidabile piattaforma di cloud mining per gli utenti quotidiani di criptovalute che mira a risolvere anche il problema delle truffe ingannevoli che hanno dissuaso le persone dal mining di BTC. Gli utenti possono semplicemente mettere in staking i propri token BTCMTX per ottenere crediti di cloud mining. Questo metodo decentralizzato salvaguarda gli interessi degli utenti, garantendo un'esperienza di mining sicura e trasparente. La crescente domanda e l’approccio innovativo al mining, potrebbero rendere Bitcoin Minetrix un token di assoluto rilievo nel 2024.

Meme Kombat

Meme Kombat fa parte invece di un tipo diverso di token, non direttamente legato a bitcoin ma a quel mondo delle Meme Coin che tanto clamore ha suscitato nel 2023. Si tratta di un progetto innovativo, divertente e capace di catturare l’attenzione di un pubblico eterogeneo. Sì appresta a raggiungere a breve il traguardo dei 3 milioni di dollari in prevendita grazie anche allo sviluppo di una community forte e stabile. Il token consiste nella possibilità di scommettere sugli esiti dei combattimenti tra le meme coin più famose del web, con l’ausilio della realtà virtuale e dell’intelligenza artificiale.

Si può scegliere di sfidare un avversario (Player vs Player), o il computer (player vs game), oppure di puntare su specifici avvenimenti nel corso della battaglia (scommesse ad azione secondaria).

Si può anche guadagnare mettendo semplicemente in staking i propri token, con un APY che attualmente è del 292%. L’offerta totale è di 120 milioni di token. Di questi, il 50% verrà usato per la prevendita, mentre per le vincite delle scommesse è stato allocato il 30%. Il restante 20% verrà diviso tra la liquidità DEX e le ricompense per la community.

yPredict

Anche il prossimo token che ci accingiamo a presentare è basato sull’AI, stavolta in maniera molto più importante. yPredict infatti è una piattaforma all-in-one che si basa sul Web3, è in grado di cogliere i sentiment del mercato attraverso sistemi predittivi generati dall’ AI. Il progetto ha superato in prevendita i 5 milioni e 400mila dollari con il costo del singolo token YPRED di $0,11.

Il token ha quindi lo scopo di creare un ecosistema che si serve dell’intelligenza artificiale per creare tool e modelli predittivi che possono aiutare gli investitori nelle scelte, fornendo un’analisi tecnica e del sentiment del mercato. È possibile mettere i propri token in staking, guadagnando con entrate passive. Chi ha investito per primo nel progetto, ha l’accesso gratuito a tutti i futuri modelli della piattaforma, come il WriteMingle, ovvero un editor di contenuti, ottimizzato per la SEO.



Questo è un MESSAGGIO PUBBLICITARIO - ARTICOLO A PAGAMENTO pubblicato il 17-12-2023 alle 09:48 sul giornale del 18 dicembre 2023 - 26 letture



qrcode