x

SEI IN > VIVERE JESI > SPETTACOLI
comunicato stampa

FORM e Michele Campanella in viaggio con Mozart, Schumann e Weber. Appuntamento anche al Pergolesi

2' di lettura
64
da Form
Fondazione Orchestra Regionale Marchigiana

Geografie Musicali, l’itinerario spazio-temporale disegnato dalla stagione concertistica di FORM, inaugura una nuova tappa della sua ampia e appassionante traiettoria di note, cogliendo l’anima musicale del Vecchio Continente.

Michele Campanella, tra i più importanti pianisti italiani, direttore d’orchestra e saggista, musicista pluripremiato e internazionalmente riconosciuto come uno dei maggiori virtuosi al mondo - nel 2008 è stato nominato presidente del chapter italiano dell’American Liszt Society - interpreta e dirige la migliore e più evocativa tradizione concertistica per pianoforte del patrimonio continentale in Klavierabend: Nel cuore dell’Europa.

Il nuovo programma dell’Orchestra Filarmonica Marchigiana viene eseguito in quattro differenti teatri della Regione. Il primo appuntamento, giovedì 1 febbraio, alle ore 21, al Teatro Sperimentale di Ancona, fa parte del cartellone di Ancona Classica, realizzato in collaborazione con il comune dorico, la Società Amici della Musica “Guido Michelli” e l’Università Politecnica delle Marche. Repliche venerdì 2 febbraio al Teatro Lauro Rossi di Macerata (alle ore 21), sabato 3 febbraio al Pergolesi di Jesi (ore 21) e domenica 4 febbraio al Teatro Gentile di Fabriano (ore 17).

Si inizia con il Konzertstück per pianoforte e orchestra in fa min. Op. 79, J. 282, una delle tre produzioni per pianoforte e orchestra di Carl Maria von Weber, compositore tedesco, contemporaneo di Schubert e di Beethoven che ebbe una particolare predilezione per il teatro, ma fu autore di sinfonie e concerti. Segue il Konzertstück per pianoforte e orchestra in sol magg., Op. 92 di Robert Schumann, di rara esecuzione. La serata si conclude con il Concerto per pianoforte e orchestra n. 25 in do magg. K. 503 di Wolfgang Amadeus Mozart, una delle ultimissime testimonianze del suo concertismo pianistico, composto nel 1786, nel periodo di intervallo fra la prima esecuzione delle Nozze di Figaro e la commissione del Don Giovanni.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-01-2024 alle 14:07 sul giornale del 29 gennaio 2024 - 64 letture






qrcode