x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Foto-trappole contro l’abbandono dei rifiuti: in appena due mesi già una settantina di sanzioni

2' di lettura
208
dal Comune di Jesi
www.comune.jesi.an.it

Tolleranza zero contro chi abbandona i rifiuti al di fuori degli spazi consentiti o contro chi, disinteressandosi di quanti fanno correttamente la raccolta differenziata, gettano la loro spazzatura indistintamente nel primo contenitore che capita.

Violazioni queste che hanno portato la Polizia Locale ad emettere una settantina di sanzioni da dicembre ad oggi, da quando cioè il Comando si è dotato delle cosiddette foto trappole. Si tratta, come noto, di una strumentazione di videosorveglianza che viene posizionata in zone della città che da tempo registrano criticità in fatto di abbandono dei rifiuti, registrando quello che accade minuto per minuto, tra l’altro segnalate con precisa cartellonistica nel rispetto della normativa sulla privacy che avvisa chi transita nell’area soggetta a videocontrollo.

Una volta acquisite le immagini, l’agente operatore controlla le riprese e, laddove accerta l’infrazione, raccoglie i relativi fotogrammi che evidenziano l’individuo, eventualmente l’auto e il numero di targa che consente di risalire al proprietario o al suo utilizzatore. A seconda dell’infrazione riscontrata le sanzioni variano da 50 a 160 euro. C’è chi è stato “pizzicato” più volte a ripetere la stessa violazione ma ci sono anche deferimenti all’autorità giudiziaria per fatti penalmente rilevanti, ovvero l’abbandono di rifiuti generati nell’ambito di attività produttive. Le aree dove si è registrato il più alto numero di violazioni sono state Via Acquaticcio (una trentina), Via Martiri della Libertà (25) e Piazza Baccio Pontelli (una decina). Il servizio di contrasto all’abbandono dei rifiuti ovviamente prosegue a rotazione in tutte e trenta le aree individuate con delibera di Giunta comunale - vale a dire le zone che presentano frequenti situazioni di criticità in fatto di abbandono dei rifiuti - un numero che potrà anche essere aumentato qualora vengano individuate altre aree soggette a smaltimento irregolare.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-01-2024 alle 12:42 sul giornale del 31 gennaio 2024 - 208 letture






qrcode