x

SEI IN > VIVERE JESI > CRONACA
articolo

Clienti e titolare di un locale del centro storico ubriachi e rissosi: licenza sospesa per 7 giorni

2' di lettura
424

di Giulia Mancinelli
redazione@viverejesi.it


Nella mattinata di giovedì il personale di Polizia giudiziaria del Commissariato, coordinato dal dirigente il vice questore Paolo Arena, insieme al personale della Polizia locale del comune di Jesi, ha dato esecuzione al provvedimento emesso dal Questore di Ancona Cesare Capocasa nei confronti del titolare di un bar del centro storico che prevede la sospensione della licenza per la durata di 7 giorni.

Il 15 dicembre scorso, all'1.45 di notte, era arrivata una segnalazione al 112 per una presunta lite tra persone in via Costa Mezzalancia, in pieno centro storico. Gli operatori di Polizia, giunti sul posto avevano notavato effettivamente, in corrispondenza del nuovo locale “Under”, una persona riversa per terra con il volto insanguinato a causa di un taglio al lobo dell’orecchio sinistro. L’uomo ha raccontato che pochi istanti prima, mentre si accingeva ad uscire dal locale, inciampando, era caduto per terra procurandosi una ferita all’orecchio.

Erano poi presenti altri due individui incapaci di deambulare, a seguito del grave stato di alterazione alcolica, riversi per terra per cui è stato richiesto, il soccorso del 118 con trasporto in ospedale. Dagli accertamenti era emerso che gli avventori del locale, tutti ubriachi, avevano avuto una discussione all'interno del locale di intensità tanto da indurre un residente a contattare il 112. Lo stesso titolare del locale, ascoltato dalle forze dell'ordine, non era stato in grado di aggiungere altri particolari essendo lui stesso ubriaco. Una ulteriore aggravante dal momento che il gestore di un locale assume la posizione di garante all’interno dell’esercizio, “affinché eccessi o conflittualità varie siano subito contenute per scongiurare il peggio con conseguenze per l’incolumità degli avventori, sollecitando immediatamente l’intervento delle forze di Polizia laddove la situazione sfugga di mano”. Alcuni clienti, peraltro, avevano precedenti per reati contro la persona, truffa ed altro.

Inoltre, a seguito di un ulteriore controllo espletato dalla Polizia Locale il 1 febbraio è stata constatata la mancanza del manuale di autocontrollo HACCP che il titolare aveva l’obbligo di redigere per garantire l’igiene, la pulizia degli ambienti e la sicurezza nei luoghi dove si somministrano alimenti e bevande. Considerata la gravità dell'accaduto, il Commissariato ha avanzato la proposta di adozione del provvedimento di sospensione della licenza per il locale. Il Questore di Ancona, accogliendo l’istruttoria del personale di Polizia del Commissariato di Jesi e della Polizia Locale, ha adottato il provvedimento con sospensione della licenza per 7 giorni e chiusura immediata del locale.





Questo è un articolo pubblicato il 08-02-2024 alle 15:39 sul giornale del 09 febbraio 2024 - 424 letture






qrcode