x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Morro d'Alba celebra la Giornata della Memoria con le "Note di Pace" della banda cittadina

2' di lettura
136

Da Raniero Romagnoli 
Presidente Banda Musicale cittadina di Morro d'Alba


Grande successo della Banda Musicale cittadina con il Concerto "Note di Pace" domenica 4 febbraio, presso il suggestivo Auditorium di Santa Teleucania a Morro d'Alba per onorare il Giorno della Memoria e tutte le vittime della Shoah.

Il doloroso ricordo di quei fatti drammatici è stato celebrato mediante la musica, il canto, la poesia e il loro linguaggio universale. Ne è scaturito un viaggio artistico che si è declinato partendo da melodie di celebri film, da brani della tradizione ebraica, dai classici del romanticismo come il “Lieder ohne Worte” op.109 di Mendelssohn, un autore oscurato dal regime nazista, per arrivare ai brani finali “Heal the World” e “We are the world” caratterizzati dal loro messaggio di pace, di fratellanza e unione fra i popoli. Il fil rouge del concerto è stato infatti quello di proporre musiche per non dimenticare gli orrori della Shoah e lanciare al pubblico un grido di pace e speranza che le tante guerre che stanno insanguinando il mondo possano terminare.

Molto emozionante è stata l’esecuzione di “Gam Gam” nella versione del maestro Ennio Morricone, con il coro dei giovani allievi della junior Band; una canzone diventata un simbolo, uno degli inni più toccanti per celebrare il Giorno della Memoria e per ricordare il milione e mezzo di bambini uccisi dai nazisti. Il concerto è stato diretto e curato nelle stesure di alcuni brani dal maestro Giovanni Pellegrini. Ha presentato, preparato e scelto i testi la bravissima Lucia Olivi, che ha interpretato magnificamente alcuni passi tratti dal Diario di Anna Frank.

Hanno partecipato insieme alla Banda cittadina: la cantante Eleonora Senesi, sublime in “Wiegala”, una ninna nanna cantata dai bambini ebrei diretti alle docce di Auschwitz, e in My Immortal, inframezzata da alcuni testi del “Bambino con il pigiama a righe”; la flautista Marica Lucarini, perfetta nell’esecuzione della “Romanza senza parole” di Mendelssohn, accompagnata al pianoforte da Raniero Romagnoli; il chitarrista Teo Cavalletti e il violinista Mattia Console, che con il suo violino ha commosso il pubblico rievocando con drammaticità il dolore e il tormento di tante persone nell’esecuzione di “Schindler’s List”. Al termine del concerto il presidente della Banda Musicale Raniero Romagnoli ha messo l’accento sul significato dell’evento, ringraziando tutti i protagonisti, mentre il Sindaco Enrico Ciarimboli nel suo saluto ha voluto ricordare, riprendendo le parole di Liliana Segre, come l’indifferenza rappresenti la chiave per comprendere la ragione del male.

"Quando credi che una cosa non ti tocchi, non ti riguardi, allora non c’è limite all’orrore” (L. Segre)





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-02-2024 alle 12:16 sul giornale del 12 febbraio 2024 - 136 letture






qrcode