x

SEI IN > VIVERE JESI > CULTURA
comunicato stampa

La scuola di Barbiana e l'eredità di Don Lorenzo Milani

3' di lettura
60

da Libera Università per Adulti Jesi


Continua l’attività, diretta a tutta la cittadinanza, della Libera Università per Adulti di Jesi. Questa volta lo scrittore Paolo Landi, alunno di Don Milani, parlerà del sacerdote e insegnante che dal nulla, nel paese di Barbiana nel Mugello, in provincia di Firenze, ha fondato la sua scuola popolare per i ragazzi più poveri: giovani operai e contadini.

Giovedì’ 11 Aprile alle 16 presso la sede L.U.A.J,libera università per adulti di Jesi in piazzale S.Francesco,nuovo appuntamento aperto alla cittadinanza ,per un approfondimento importante su un tema particolarmente interessante, proprio in questi tempi, ovvero la storia e l’operata della scuola di Barbiana e l’eredità lasciata da Don Lorenzo Milani il sacerdote sempre a fianco dei più deboli dal lontano 1947 quando venne nominato sacerdote. A parlare della vita ,delle sue opere e soprattutto del suo pensiero lo scrittore Paolo Landi per molti anni protagonista della vita sindacale del nostro Paese ,testimone diretto dopo essere arrivato a Barbiana ed alla scuola di don Milani. Solo per ricordare l’impegno civile del relatore , basta ricordare che nel corso degli anni Landi ha ricoperto cariche di rilievo nel sindacato Cisl, ha fondato l’associazione di consumatori “Adiconsum” e poi la Fondazione per il consumo sostenibile,oltre a collaborare con il Comitato etico “Coop Nordest” e divenire membro della fondazione “Don Lorenzo Milani”. Insomma un incontro diretto con chi, come recita il titolo dell’iniziativa della Luaj , conosce “ La scuola di Barbiana e l’eredita’ di Don Lorenzo”

Solo per anticipare brevemente e senza approfondire il pensiero e l’eredita’ lasciata da Don MIlani vale la pena ricordare che proprio alla scuola di Barbiana si forma una repubblica nella quale i partecipanti sviluppano un potere che parla al mondo con parole di giustizia e profezia. Landi ,che ha scritto alcuni libri su Don Milani ha più volte affermato come abbia deciso di scrivere ,per spiegare come, per don Milani, aspettare che il sistema cambiasse fosse stato solo un alibi per tacitare la proprie coscienze. Solo rimboccandosi le maniche si può cambiare la scuola, il lavoro, la società, e che la leva è influire sugli altri con la parola e con l’esempio. Insomma un argomento quanto mai attuale che conferma come il Presidente della LUAJ Gabriele Fava e tutti quelli che si impegnano nell’attività’ dell’Università Jesina, anche rimanendo dietro le quinte, cerchino di animare il dibattito socio culturale della città, a favore di tutti.

Ma la Libera Università degli adulti di Jesi non si limita solo a far ascoltare i suoi iscritti lezioni e approfondimenti ,ma li coinvolge in corsi particolarmente interessanti. Ecco allora che dal 16 Aprile ,data di inaugurazione alle ore 17,30 nel Palazzo di Convegni , si potranno vedere gli elaborati di acquerello e disegno degli allievi che hanno partecipato ai laboratori coordinati dai professori Angela Pedonesi e Carlo Cecchi. La mostra rimarrà aperta fino al 22 aprile con orario dalle 10 alle 12,30 di mattino e dalle 17 alle 20 di sera ovviamente con ingresso libero. Nuove iniziative per tutta la città. Giovedì alle 16 sede LUAJ la conferenza del Prof.Landi sulla Scuola di Barbiana e l’eredità di Don Lorenzo Milani e dal 16 al 22 Aprile Palazzo dei Convegni gli elaborati di acquerello e disegno degli allievi dei laboratori.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-04-2024 alle 15:30 sul giornale del 09 aprile 2024 - 60 letture

All'articolo è associato un evento






qrcode