x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Salute mentale e abusi, il Gruppo Solidarietà sulla vicenda dell'appartamento di Jesi: "Non ci si fermi alla punta dell'iceberg"

6' di lettura
480
da Gruppo Solidarietà

Nei giorni scorsi è stato posto sotto sequestro un appartamento che ospitava sei persone con disturbi psichici, una coppia è stata arrestata e la figlia risulterebbe indagata.

Violenza sessuale aggravata l'accusa per lui, maltrattamenti invece per la moglie e la figlia . Le nostre riflessioni e considerazioni a partire da quanto emerso sulla vicenda e sui contenuti della sentenza (di seguito riportata) del TAR Marche (settembre 2023) successiva al ricorso dei soggetti ora indagati, dopo un'ordinanza del Comune di Jesi che stabiliva la cessazione dell'attività.

La sentenza del TAR Marche pubblicata il 13 settembre 2023 è successiva ad un'ordinanza del Comune di Jesi, a seguito di ispezione, di cessazione dell'attività non autorizzata, ritenendo che si trattasse, nei fatti, di un “servizio” che per essere erogato richiedesse autorizzazione. Era stata comminata anche una multa. Il TAR, a seguito di ricorso, ha ritenuto non trattarsi di una comunità che per operare avesse obbligo di autorizzazione, ai sensi delle norme regionali vigenti, ma di una “servizio” che trova ispirazione e riferimento alla legge regionale sulla vita indipendente (una sorta di appartamento autogestito) e come tale non soggetto ad autorizzazione. Ha conseguentemente accolto il ricorso annullando l'ordinanza comunale. In questo, come si può leggere nella sentenza, supportato dalle indicazioni del direttore del Dipartimento di Salute Mentale (DSM).

La magistratura avrà ora il compito di fare chiarezza sulla vicenda.

Alcuni aspetti della vicenda riteniamo debbano essere posti all’attenzione. Per primi quelli segnalati nel comunicato dell’associazione Tutela Salute Mentale Vallesina nel quale si ricorda le numerose, dal 2018, segnalazioni riguardanti il “funzionamento” dell’appartamento.

1) Nella casa venivano ospitate, stando alle ricostruzioni, 5/6 persone, tutte con protezione giuridica (tutori o amministratori di sostegno). Persone dunque che necessitavano di tutela. C’è da chiedersi, sulla base di quanto è emerso e sta emergendo, se questo stava avvenendo.

2) Come avveniva effettivamente l’autogestione dell’assistenza; la scelta di andare a vivere in quel determinato luogo e non, ad esempio, in un altro.

3) Casa ispirata al modello della “vita indipendente”. Significa che le persone, che va ricordato non sembrano siano beneficiare dell’intervento regionale (a proposito: avevano fatto mai domanda?), avevano scelto di vivere in comunità e di autogestirsi l’assistenza. In soldoni significa che se non rientri nel finanziamento regionale e nelle sue regole applicative, la cosiddetta “ispirazione” può tradursi in tanti modi (come abbiamo visto e stiamo vedendo in questa vicenda).

Qualcuno dovrà pur spiegare quale relazione esista tra il contenuto della legge regionale sulla vita indipendente (che assume il modello dell’assistenza personale autogestita con l’assunzione di uno o più assistenti) con l’organizzazione di questo appartamento.

Vale, al proposito, la pena citare quanto riporta la sentenza del TAR (virgolettato)con riferimento a quanto affermato dal DSM di Jesi e dalla regione Marche e chiedersi quale relazione ci sia tra il modello “vita indipendente” regionale (che è rivolto a persone capaci di autogestirsi l’assistenza e che conseguentemente non fa mai riferimento al cosiddetto cohousing, che invece è uno degli interventi previsti nella cosiddetta sperimentazione nazionale) e la realtà di cui ci stiamo occupando.

- DSM di fatto questo appartamento è solo uno dei tanti progetti avviati nella Regione Marche, oltretutto molto più avanzato degli altri, completamente AUTONOMO anche sotto l’aspetto economico, in quanto né l’Asur, né il Comune di Jesi, né la Regione investono in questo appartamento fondi pubblici, ma è tutto autofinanziato dalle persone che ci vivono. In altri termini, è la stessa ASUR a riconoscere che gli ospiti dell’appartamento non sono inseriti in una struttura che promuove assistenza socio-sanitaria, ma coabitano nell’appartamento privato e autogestito in quanto avviati ad un percorso terapeutico volto a promuovere un progetto di vita indipendente, come da legge regionale n. 21/2018”;

- Regione MarcheIn base alla normativa nazionale e regionale vigente, le residenze di housing e cohousing di cui ai “progetti di Vita Indipendente” non sono configurabili nell’ambito delle strutture di cui alla Legge regionale n. 21/2016. Trattasi infatti di progetti aperti alle molteplici forme dell’“abitare sociale”, forme anche sperimentali e innovative di de-istituzionalizzazione, così come si può evincere da quanto in allegato”.

Il tristissimo paradosso. Quello che è successo e quello che stiamo leggendo in questi giorni sarebbe ispirato al modello della vita indipendente che richiama: autodeterminazione, autogestione, e deistituzionalizzazione. Sulla scorta di quanto stiamo leggendo ognuno può farsi l’idea di come nell’appartamento di Via del Verziere sia stata declinata l’autodeterminazione e l’autogestione.

Si è arrivati addirittura scomodare anche l’articolo 19 della Convenzione ONU “Gli Stati Parti alla presente Convenzione riconoscono il diritto di tutte le persone con disabilità a vivere nella società, con la stessa libertà di scelta delle altre persone, e adottano misure efficaci ed adeguate al fine di facilitare il pieno godimento da parte delle persone con disabilità di tale diritto e la loro piena integrazione e partecipazione nella società, anche assicurando che: (a) le persone con disabilità abbiano la possibilità di scegliere, su base di uguaglianza con gli altri, il proprio luogo di residenza e dove e con chi vivere e non siano obbligate a vivere in una particolare sistemazione; (b) le persone con disabilità abbiano accesso ad una serie di servizi a domicilio o residenziali e ad altri servizi sociali di sostegno, compresa l’assistenza personale necessaria per consentire loro di vivere nella società e di inserirvisi e impedire che siano isolate o vittime di segregazione; (c) i servizi e le strutture sociali destinate a tutta la popolazione siano messe a disposizione, su base di uguaglianza con gli altri, delle persone con disabilità e siano adattate ai loro bisogni”.

E’ opportuno leggere con attenzione la sentenza del TAR in tutti i suoi passaggi. E come si è potuto utilizzare e tradire la legge regionale 21/2018 a supporto della creazione di una realtà come quella di cui ci stiamo occupando. Vedi ad esempio:

“- la dottoressa -OMISSIS-, assistente sociale in pensione, riferisce di svolgere come volontaria il ruolo di referente nell’ambito di progetti di “vita indipendente” di cui alla legge regionale n. 21/2018, collaborando con il Centro di Salute Mentale di Jesi, e, in tale qualità, di prestare ausilio domiciliare alle suddette persone, appunto coinvolte nell’attuazione di un progetto di vita indipendente;

- come si evince dai documenti sub n. 31 allegati al ricorso, recanti le dimissioni dei pazienti dalle strutture di ricovero e cura, i progetti di vita indipendente sono conosciuti e appoggiati dalla stessa Azienda sanitaria, la quale li individua quali percorsi terapeutico-riabilitativi alternativi”.

Necessario chiedersi e chiedere:

a) come, da chi, sulla base di quale norme è stato redatto il progetto di vita indipendente;

b) quale norma declina l’assistenza personale autogestita in termini terapeutico/riabilitativo.

Vedremo gli sviluppi dell’inchiesta della magistratura per meglio capire quanto successo e le conseguenti responsabilità.

Ma non si può non condividere quanto affermato dall’associazione Tutela Salute Mentale Vallesina: Il 'volontario' colto a cucinare in brache calate è purtroppo l’orrenda punta dell’iceberg”. Ci sarà tempo per ulteriori approfondimenti e riflessioni. Intanto, sentiamo tutti la responsabilità di fare in modo che non ci si fermi a quella punta.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-04-2024 alle 22:15 sul giornale del 22 aprile 2024 - 480 letture






qrcode