x

SEI IN > VIVERE JESI > POLITICA
comunicato stampa

Chiaravalle: "Homo cellularis, vita da smartphone", un incontro il 24 aprile

2' di lettura
54
dal Comune di Chiaravalle
www.comune.chiaravalle.an.it

Dopo i primi due incontri, tenutisi il 10 e il 17 aprile e dedicati rispettivamente a “Costruire la pace” e alla presentazione e proiezione del documentario “Carlo Urbani. Ho fatto dei miei sogni la mia vita”, ci attende mercoledì prossimo, 24 aprile, alle ore 21 presso il Teatro Tullio Giacconi il terzo e ultimo appuntamento della rassegna “Ogni cosa è illuminata”, promossa dal Comune di Chiaravalle e incentrata quest’anno sul tema della cura.

Sarà la volta di “Homo cellularis - Vita da smartphone. Stiamo uccidendo la nostra intelligenza?”, un progetto ideato e condotto da Marco Moglie per favorire la consapevolezza dei danni causati dall’uso e dall’abuso degli smartphone.

“L’Italia – spiegano i promotori dell’iniziativa – è il terzo Paese al mondo per diffusione di questi sofisticati media; chiamarli ancora telefonini è davvero riduttivo, perché ormai ci permettono di fare di tutto. Il problema è che mentre nel corso della storia ogni nuovo mezzo di comunicazione ci ha fatto crescere sotto tutti i punti di vista, oggi non è più così. Con gli smartphone abbiamo fatto grandi passi in avanti, ma stiamo perdendo più di ciò che guadagniamo. Ci sono segnali allarmanti che riguardano le nostre capacità cognitive e di crescita culturale: il cosiddetto analfabetismo funzionale, che ci vede secondi in Europa e fra i peggiori al mondo. Abbiamo una soglia media di attenzione di 8 secondi e una percezione della realtà sempre più distorta. Il grido di allarme più inquietante dice che le piattaforme digitali ‘stanno riformattando i nostri cervelli’ tenendoci sempre in rete incollati agli smartphone e lontani dalla realtà. E l’allarme più significativo viene proprio dall’inventore della rete (Tim Berners Lee) che ne denuncia apertamente gli effetti devastanti sulla nostra società”. Marco Moglie, sociologo e giornalista professionista, esperto in mass media, analizzerà il problema con una narrazione coinvolgente, che partirà dalla storia della comunicazione fino ad arrivare agli odierni smartphone.

La serata, a ingresso gratuito, organizzata in collaborazione con l’associazione MarcoVive e con la compartecipazione del Consiglio Regionale delle Marche, è aperta a tutta la cittadinanza, con particolare riguardo per chi – come familiari, insegnanti, educatori – sperimenta tutti i giorni le sfide e i pericoli insiti nella condizione di nativi digitali che hanno bambini e ragazzi, nello studio, nel tempo libero, nelle relazioni e interazioni sociali.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-04-2024 alle 09:17 sul giornale del 23 aprile 2024 - 54 letture






qrcode