x

SEI IN > VIVERE JESI > SPETTACOLI
comunicato stampa

Morro d'Alba: torna il Cantamaggio, venerdì il concerto-spettacolo de La Macina

2' di lettura
106

da Organizzatori


Ritorna l' antico canto rituale di questua, che da secoli celebra l’avvento della primavera, della nuova stagione agricola e che affonda le sue radici nei riti pagani di fertilità, di augurio e di benessere per la comunità ed i singoli.

La quarantaduesima edizione del “Cantamaggio”, organizzato e voluto fortemente dal Comune di Morro d’Alba, è curato del Centro Tradizioni Popolari e da La Macina, svilupperà, nelle tre giornate del 17-18-19 per poi concludersi, nella notte del 31 maggio, con il rituale Rogo in piazza dell’Albero del “Maggio”.

Nella prima giornata di venerdì 17, nei sotterranei dell'Auditorium Santa Teleucania, alle ore 18,30 l'inaugurazione della mostra di Gastone Pietrucci "Collages-2013-2024", che sarà aperta da venerdì 17 a domenica 26 maggio. Brindisi di buon augurio con il Lacrima di Morro d’Alba, con tutti i presenti a questo interessante vernissage.

Dopo la grande Mostra Antologica 1969-2022, allestita con grande successo di critica e di pubblica nel Palazzo Bisaccioni di Jesi, come ha scritto il curatore, Roberto Gigli ”Questa antologica svela il mondo dell’artista, dei suoi oltre cinquanta anni di ricerca, di ininterrotte \piccole attenzioni, di raccolte, ritagli, scontorni del reale magistralmente ricomposti in opere raffinate, metafisiche, dall’equilibrio quasi magico […]” Gastone Pietrucci presenta ora la sua nuova Mostra di Collages, che praticamente racchiude i suoi ultimi lavori (dal 2013 al 2024).

Questa prima giornata di venerdì 17 si chiuderà alle ore 21,30, nell'Auditorium Santa Teleucania con La Macina e con la partecipazione straordinaria di Milena Gregori nel concerto-spettacolo “Penserò a emigranti sopra neri vapori”, dalle Marche all'America: la "via spinosa" della grande emigrazione marchigiana verso le Americhe, montato appositamente per questa prima morrese. Ideazione e Regia: Gastone Pietrucci.

La Macina propone questo nuovo lavoro particolare e struggente, su i ricordi, le lettere, le emozioni, il dolore, la lontananza, le lacrime, la rabbia, lo sconforto, la speranza e la fatica della grande emigrazione marchigiana (la "via spinosa") verso le Americhe. Il titolo, Penserò ad emigranti sopra neri vapori…, è tratto da un verso di una stupenda e struggente lirica di Franco Scataglini, Di te io troppo dissi .Attraverso la “scheggiata voce di pietra e di vento” di Gastone Pietrucci, leader e “voce” de La Macina e la voce narrante di Milena Gregori, si racconterà la storia dell’emigrazione ed il “cammino della speranza” di milioni di nostri connazionali, quando eravamo noi quelli “scuri, sporchi e cattivi”.

Ingresso libero sino ad esaurimento dei posti



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-05-2024 alle 17:07 sul giornale del 16 maggio 2024 - 106 letture






qrcode